Eurozona, crescita debole: pesa il calo dell’attività industriale

A
A
A
di Gianluigi Raimondi 30 Maggio 2019 | 13:30

Nell’Eurozona i sondaggi PMI continuano a indicare una crescita più debole in futuro

Per la zona euro nel suo complesso, le letture del PMI composite sono in leggero miglioramento (+0,1 punti) con un 51,6 a maggio, un livello coerente con una crescita aggregata del PIL dell’1,2%.

Da questi dati possiamo ricavare due conclusioni fondamentali, avverte Gero Jung, Chief Economist di Mirabaud AM: a) non si è registrato alcun miglioramento nel settore manifatturiero, e b) persiste il gap tra il settore dei servizi, piuttosto solido, e la debolezza dell’attività manifatturiera.

Questo è particolarmente evidente in Germania

Dove i PMI indicano una chiara contrazione dell’attività industriale. Una tendenza questa molto più che temporanea, con i PMI manifatturieri in calo dalla scorsa estate. Per l’Eurozona nel complesso, l’indice della produzione manifatturiera – che riflette la produzione corrente – è salito di 1,1 punti a 49, ancora in contrazione. I nuovi ordinativi sono aumentati di 0,6 punti a 46,5. A livello aggregato per Paese, i PMI composite sono leggermente aumentati di 1,2 punti percentuali in Francia come anche in Germania, dove invece si sono attestati a 52,4. Meno incoraggianti le stime sui PMI flash che suggeriscono un indebolimento nei Paesi non-core, dove il PMI è sceso di 0,7 punti.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Mercati, sorpresa positiva dai Pmi dell’Eurozona

Obbligazioni europee nel 2021, focus su ripresa e politica

L’Eurozona verso il declino come il Giappone degli anni ’90? Analogie e differenze

NEWSLETTER
Iscriviti
X