Prysmian al test del supporto statico di medio-lungo termine

A
A
A
Avatar di Gianluigi Raimondi 3 Giugno 2019 | 16:00

Dopo aver fallito il tentativo di oltrepassare a metà maggio a 17,30 euro la trenline discendente che dallo scorso settembre ne blocca le velleità rialziste, Prysmian è sceso fino a testare a quota 14,65 l’importante supporto statico di medio-lungo termine. E i principali indicatori tecnici sono prossimi alla zona di ipervenduto. Uno scenario che, complice anche il recente incremento degli scambi (segnale che si fa intensa la lotta tra Orsi e Tori), potrebbe favorire un prossimo rimbalzo del titolo.

I prossimi obiettivi tecnici di Prysmian

Se 14,65 si dimostrerà  un valido livello di sostegno, per i corsi si profilerebbe un prossimo recupero con obiettivi in prima battuta a 15,50 euro, poi a quota 16 e ancora in area 16,50/16,60. Il cedimento, per contro, di 14,65 (stop loss da adottare) proietterebbe invece il titolo verso nuovi minimi da inizio 2015.  G.R.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Oro di nuovo sugli scudi

Poste Italiane torna sugli scudi. I prossimi obiettivi tecnici del titolo

NEWSLETTER
Iscriviti
X