Il Ftse Mib compie 10 anni

A
A
A
di Max Malandra 3 Giugno 2019 | 12:59

Oggi il FTSE MIB, il principale indice dei mercati azionari italiani, festeggia i suoi primi dieci anni. Per l’occasione, è stato organizzato un evento a cui hanno partecipato, tra gli altri, Raffaele Jerusalmi, CEO di Borsa Italiana, Waqas Samad, CEO di FTSE Russell e Patrizia Grieco, Presidente di Enel. Oltre a festeggiare il decennale del FTSE MIB e del lancio della serie di indici FTSE Italia, l’evento ha consentito di approfondire il tema del mutato ruolo degli index provider e dell’impatto del nuovo quadro regolamentare che li riguarda. È stata inoltre un’occasione di valutare il modo in cui le diverse categorie di partecipanti al mercato, dai trader di azioni e derivati ai gestori e agli emittenti di ETF e securitised derivative, fanno ricorso agli indici e quali sono le loro esigenze.

Il primo giugno 2009 FTSE Russell ha iniziato a gestire gli indici italiani lanciando la FTSE Italia Index Series che oltre al FTSE MIB comprende anche FTSE Italia Mid Cap e FTSE Italia Small Cap, che tutti insieme compongono il paniere del FTSE Italia All-Share, articolato negli indici settoriali della classificazione ICB. La FTSE Italia Index Series è stata successivamente arricchita di nuovi indici: il FTSE AIM Italia e il FTSE Italia Brands e la più recente famiglia degli indici PIR, costruita nella primavera del 2017 per rispondere ai vincoli di asset allocation previsti dalla normativa dei piani individuali di risparmio.

Oltre a essere il più rappresentativo indice azionario italiano, il FTSE MIB comprende le 40 azioni più capitalizzate e liquide del Mercato Principale di Borsa Italiana (MTA), che rappresentano oltre l’80% della capitalizzazione complessiva e quasi il 90% del controvalore degli scambi.

Attualmente la società più grande del paniere è Enel, seguita da Eni, Intesa Sanpaolo, Unicredit e Generali. Le società di più recente ingresso sono Hera (marzo 2019), Amplifon, Diasorin e Juventus (dicembre 2018). Le revisioni standard dell’indice sono programmate quattro volte all’anno, nei mesi di marzo, giugno, settembre e dicembre.

A giugno 2009 il Ftse Mib era sopra la soglia dei 33.000 punti, ora vale meno di 20.000 punti.

Raffaele Jerusalmi, Amministratore Delegato di Borsa Italiana, ha detto: “Siamo molto felici di festeggiare oggi i 10 anni del FTSE MIB, il principale indice del nostro mercato che rappresenta le 40 società più liquide e capitalizzate. La scelta di calcolare l’intero set degli indici di Borsa attraverso un index provider di alto standing come FTSE Russell è stata presa innanzitutto per rendere il nostro mercato sempre più internazionale, con standard riconosciuti a livello globale. Il 94% dell’ammontare detenuto dagli investitori istituzionali è infatti estero con oltre 8.000 fondi e 1.700 case di investimento internazionali da 50 Paesi”.

Waqas Samad, CEO, FTSE Russell, ha dichiarato: “Siamo felici di celebrare il decimo anniversario del FTSE MIB, l’indice di riferimento principale per il mercato azionario in Italia che rappresenta circa l’80% della capitalizzazione del mercato nazionale. Oggi le società che compongono l’intero paniere hanno una capitalizzazione di oltre 450 miliardi di euro. Continuiamo inoltre a registrare un crescente interesse da parte degli investitori che intendono lanciare nuovi prodotti usando come sottostante il FTSE MIB, indicatore rappresentativo dell’economia italiana”.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Etf, Amundi amplia la gamma low-cost Prime ETF a Piazza Affari

Mercati, Aim Italia Conference: al via oggi la quarta edizione

ITForum Online Week: la didattica di Borsa Italiana tra certificati, Etf e derivati

NEWSLETTER
Iscriviti
X