A che punto è il ciclo economico?

A
A
A
Avatar di Max Malandra 4 Giugno 2019 | 14:30

A cura di Paul Donovan, Chief Economist di UBS Global Wealth Management

La crescita economica non muore di vecchiaia, bensì termina quando l’economia si surriscalda o viene commesso un errore a livello di politiche. In questo momento non vediamo rischi di surriscaldamento: la crescita dura ormai da molto tempo, ma a livello globale si colloca intorno al tendenziale da otto anni. L’espansione economica non è mai stata così stabile per un periodo così lungo.
Succede di rado che le banche centrali indipendenti commettano errori. Gli economisti possono anche discutere dei particolari, ma le attuali politiche monetarie sono sostanzialmente appropriate.
Perché allora gli investitori si preoccupano per la crescita? In passato, l’espansione economica non è mai durata così a lungo né è mai stata così stabile. L’attuale situazione è senza precedenti. Molti investitori sono stati duramente colpiti dalla crisi del 2008-2010 e hanno paura che succeda di nuovo. I cicli di mercato sono diversi dai cicli economici. I listini azionari potrebbero sovraperformare o sottoperformare rispetto alle economie.
I dazi doganali potrebbero rappresentare un errore di politica governativa. Le tariffe danneggiano l’economia, ma l’incertezza in campo commerciale la danneggia di più. Non crediamo che i dazi attualmente in vigore possano provocare una recessione. L’incertezza potrebbe spingere la crescita mondiale al di sotto del tendenziale per la prima volta dal 2011.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Economia Usa ai minimi storici, siamo all’inizio di un nuovo ciclo?

Investire durante un ciclo economico di decongelamento. L’analisi di Amundi

Il ciclo del credito è finito, ma le opportunità non mancano: ecco dove cercarle

NEWSLETTER
Iscriviti
X