I timori che Pechino usi i Treasury per influenzare tassi Usa e dollaro sembrano superati

A
A
A
di Max Malandra 5 Giugno 2019 | 12:15

A cura di DWS

Il conflitto commerciale in corso tra Stati Uniti e Cina mette in discussione non solo le catene di approvvigionamento globali, ma anche le certezze economiche. Mentre molti hanno ormai capito che i consumatori domestici devono prima di tutto pagare i dazi sulle importazioni, su altre questioni anche i professionisti hanno opinioni divergenti. Ad esempio, se la Cina possa utilizzare come arma le proprie posizioni sui titoli di Stato statunitensi e con quali conseguenze. L’attenzione si concentra soprattutto sui possibili effetti sui tassi di interesse statunitensi e sul tasso di cambio dollaro-yuan.

In primo luogo, considerate la posizione dominante percepita dalla Cina sul mercato dei titoli di Stato statunitensi: su un totale di buoni del Tesoro in circolazione per un totale di 17,6 trilioni di dollari, la Cina detiene 1,1 trilioni di dollari, che corrisponde ad una quota del 6,25%. Al suo apice, nel luglio 2011, era del 12,1%. Mentre la Fed inizialmente ha colmato il divario, ora è il settore privato statunitense che sta acquistando l’offerta obbligazionaria in costante crescita. E i tassi di interesse e di cambio?

Come mostra il nostro “Chart of the Week”, i massicci acquisti del Governo di Pechino hanno coinciso con un apprezzamento dello yuan. E poiché Pechino ha anche ridotto la propria posizione in termini assoluti, lo yuan tende ad indebolirsi. A parità di condizioni, ci si sarebbe potuto aspettare il contrario. Ma come spiega Xueming Song, economista di DWS sulla Cina: “Gli acquisti del Tesoro non dovrebbero essere considerati isolatamente. Sono stati preceduti per la prima volta dalle massicce eccedenze commerciali della Cina, che hanno rafforzato lo yuan. Allo stesso tempo, le aziende straniere hanno investito in Cina, il che ha spinto verso un apprezzamento dello yuan”.

E il tasso d’interesse? E il tasso d’interesse salirà alle stelle se Pechino continuerà a vendere? Anche qui la storia contraddice questa tesi. Quando la Cina ha aumentato le proprie posizioni di otto volte a 0,8 trilioni di dollari tra il 2002 e il 2008, il tasso di interesse sui titoli del Tesoro a 10 anni ha continuato ad aumentare. E da quasi un anno ormai, sia le posizioni di Pechino (leggermente) che i tassi di interesse sono in calo.

Ma Pechino ha qualche interesse in una svalutazione dello yuan? Anche se questo aiuterebbe l’industria che esporta, Xueming Song obietta: “Ci sono vari motivi per cui è improbabile che Pechino desideri una valuta più debole. Da una possibile fuga di capitali, come è avvenuto nel 2015, alle iniziative di Belt and Road e della Shanghai Cooperation, in cui la Cina deve attirare paesi stranieri con una valuta forte.

Inoltre, l’immagine di una Cina sfidante nei confronti degli Stati Uniti e come paese d’origine con una seria valuta mondiale non è compatibile con uno yuan debole”. I politici cinesi possono probabilmente essere accusati di molte cose, ma di certo non di aver detenuto artificiosamente la propria valuta.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Asset allocation: la Cina resta un buon affare

Investimenti, Cina vs Taiwan: tutti gli scenari

Top 10 Bluerating: Lyxor ha in mano la Cina

NEWSLETTER
Iscriviti
X