L'Oracolo – Crisi io mo te magno

A
A
A

Strane visioni dal mondo della finanza. Sembra che la recente crisi finanziaria abbia accentuato alcune nostre abitudini culinarie sul lavoro..

Matteo Chiamenti di Matteo Chiamenti28 agosto 2009 | 15:15

Osservare la fauna di un ufficio durante la pausa pranzo è quanto di più stimolante possa esserci per un amante dell’antropologia. Altro che studi sulle tribù autoctone delle Galapagos, osservare come si comportano le diverse tipologie di colleghi è il top di quello che il mondo può offrirci. C’è quello a dieta (a questa categoria appartiene il 95% del popolo femminile) che mangia l’insalata, quello a dieta, ma che si vergogna di ammetterlo, che fa finta di uscire per poi venir scoperta mangiare la medesima insalata in un sottoscala del palazzo, quello tirchio che pratica il digiuno fingendosi novello asceta, quello mascella d’oro che puntualmente aumenta di due taglie dopo ogni pranzo e infine l’abitudinario, che estrae dalla borsa con minuziosa cura uno scrigno di plastica contenente un piatto dall’aspetto decisamente espressionista, la cosiddetta schiscetta (per chi abita a Milano). Un’abitudine, quest’ultima, che sempre avere preso ancora più forza grazie alla crisi.

A rivelarlo è uno studio condotto da Alice Cucina, Sitcom Editore, che ha monitorato le abitudini culinarie in 97 uffici italiani durante il primo semestre del 2009. E’ infatti aumentato il numero (59 per cento del campione) di coloro che si preparano a casa il pranzo da consumare durante la pausa; tra questi il 71 per cento sono maschi tra i 25 e i 40 anni. Le donne, come tradizione d’ufficio ci insegna, sono in minoranza e spesso si accontentano di un frutto o di uno snack. Ancora una volta il cibo, fatto in casa, si conferma ottimo rifugio contro i dispiaceri. Finanziari.


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Il “buy” del consulente – 21/09/18, da Enel a Gamenet

Nasce lo “spin off” di Nafop: il profilo di AssoScf

Fondi, top e flop del 19/09/18

Blackrock punta sui buoni (del tesoro)

Bufi (Anasf) risponde alle accuse del consulente

Poker di Invesco sull’Etf Plus

Fondi, top e flop del 18/09/18

Investimenti, occasione azionario

Il “buy” del consulente – 17/09/18, da Banca Generali a La Doria

Mediolanum CU tra arte, progresso e valore

Il “buy” del consulente – 7/09/18, da A2a a Zignago Vetro

Haxe guida per l’Europa di Investec AM

Advisory Apocalypse Now

Anche Bluerating è a Cernobbio

Asset Alloction: il gestore spiega l’impatto di un rating “basso”

Il “buy” del consulente – 6/09/18, da A2a a Telecom Italia

Poste, Consob sanziona l’ex direttore condannato

Consulenza e certificati, il punto sull’efficienza fiscale

Fineco alla prova dei risparmiatori

Consob, Bertezzolo prende servizio

Mercati, i “buy” del 4 settembre 2018

Asset allocation, è la (s)volta degli emergenti

Alcune irregolarità, la sanzione è la sospensione per un cf Mediolanum

Consulenti, 5 consigli per ripartire al top

Credem, la forza del leasing

Consulenti, qualche dritta per la pensione anticipata

Cointestatario incassa buono postale all’insaputa degli altri: il rimedio c’è

Caso Galloro, l’affare si ingrossa

Arianna Sim: fine delle trasmissioni

Consulenti, la formazione orientata all’utente finale

Azioni e bond mai così vicini

I mercati chiamano la consulenza

Consulenti, la tv di Instagram è un’occasione

Ti può anche interessare

Mercati, il grande singhiozzo

Da inizio anno i mercati si sono mossi a singhiozzo: prima hanno avuto un Gennaio estremamente posit ...

Kìron, un piano per la rete

La società di mediazione creditizia di Tecnocasa cerca 80 agenti per giugno ...

Consulenti finanziari, i nuovi obblighi nei confronti di Ocf

Sono state recepite alcune modifiche proposte da Alezio.net Consulting, Anasf, Ascosim e Ocf. Vediam ...