Anima: “Prudenza a tutto tondo”

A
A
A
di Gianluigi Raimondi 7 Giugno 2019 | 15:30

Quali le prospettive dopo l’ondata di avversione al rischio su tutti i mercati?

Lo scenario più probabile è che questa fase di incertezza si protrag­ga fino alla fine di giugno, quando i leader Trump e Xi Jinping dovrebbero incontrarsi al margine del G20 che si terrà ad Osaka in Giappone. I due Presidenti potreb­bero scegliere alla fine di allentare le tensioni, sospen­dendo almeno temporaneamente l’adozione di provve­dimenti ancora più stringenti e fornendo nuovo impulso alle trattative. Il team di gestione di Anima ritiene che un accordo sia ancora possibile, – in primis perché la scadenza delle elezioni americane si avvicina e una re­cessione costerebbe a Trump l’elezione alla Casa Bianca – anche se molto più modesto e depotenziato rispetto a quanto si sperava solo qualche settimana fa.

In Europa sono molte le questioni politiche aper­te

In occasione delle elezioni parlamentari europee, per la prima volta nella storia popolari e socialdemocratici hanno perso la maggioranza assoluta. In verità, l’avan­zata dei partiti populisti sovranisti c’è stata ma non è stata così travolgente come si temeva alla vigilia del voto: hanno conquistato circa il 30% dei voti (e senza la partecipazione del Regno Unito alle elezioni, la percen­tuale sarebbe stata inferiore). L’affermazione delle forze euroscettiche, tuttavia, non è l’unica ragione per cui è lecito immaginare che il processo di integrazione euro­pea procederà in modo ancora più lento e difficoltoso. La maggiore frammentazione del Parlamento, infatti, implica già di per sé un aumento della complessità: saranno necessari l’accordo e la disciplina di più partiti per assumere decisioni.

Nel Regno Unito, le dimissioni di Theresa May – effettive dal 7 di giugno –, dopo la vittoria del partito pro Brexit di Nigel Farage, fondato solo pochi mesi fa – e la sua proba­bile sostituzione con un Conservatore più intransigente hanno alimentato i timori di una Hard Brexit.

In Italia la volatilità è tornata a regnare

A determinare una nuova impennata del differenziale di rendimento tra Btp e Bund decennale, fino a 295 punti base, ai massimi da metà dicembre, sono state dapprima le dichiarazioni poco rassicuranti di qualche ministro sul tema della disciplina fiscale e successivamente la vicenda relativa alla lettera di ri­sposta del governo italiano alla Ue sul tema dei conti pubblici, da cui sarebbero stati depennati i riferimenti ad un taglio delle spese per il welfare.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Top 10 Bluerating: Anima si prende ancora i ritorno assoluto

Risparmiatori italiani, una ventata di ottimismo

Anima: la raccolta sale a 2,4 mld da inizio anno

NEWSLETTER
Iscriviti
X