I mercati ignorano la fragilità dell’economia

A
A
A
di Gianluigi Raimondi 25 Giugno 2019 | 09:30

Le due principali banche centrali del mondo, la Federal Reserve e la Bce, hanno dichiarato che non esiteranno a effettuare tutti gli allentamenti necessari per sostenere l’economia e i mercati finanziari. Poiché la Banca del Giappone pratica una politica espansiva da 20 anni e questa settimana la Banca d’Inghilterra ha deciso di lasciare i tassi d’interesse invariati, secondo Christian Nolting, CIO globale di Dws, si può affermare che il mondo sviluppato sopravvive grazie all’aiuto delle politiche monetarie. La conseguenza è che oggi una porzione consistente dei titoli di Stato di tutto il mondo offre rendimenti negativi, con conseguenze nefaste sulla redditività di fondi pensione, assicurazioni e dei portafogli d’investimento più prudenziali.

Invece le Borse hanno ricevuto una boccata d’ossigeno, riuscendo a scrollarsi di dosso le apprensioni legate al conflitto commerciale sinostatunitense e lasciandosi alle spalle anche il timore di una maggiore instabilità geopolitica dopo il recente attacco contro due navi nel Golfo di Oman. Tuttavia più i mercati finanziari e la stabilità economica dipendono dagli interventi straordinari delle banche centrali, più le prospettive dell’economia internazionale diventano fragili. Infatti, a giudizio di molti investitori, le capacità d’intervento della Banca centrale europea sono quasi esaurite e i suoi sforzi per sventare l’insidia denominata “trappola della liquidità” dagli economisti la rendono sempre più simile alla Banca del Giappone.

I margini di manovra della Federal Reserve  – nota Nolting – sono più ampi grazie al tasso d’interesse più alto, ma anch’essa deve usare con cautela lo strumento dell’allentamento monetario. Un’altra conseguenza della maggiore fragilità dell’equilibrio economico è il ricorso sempre più frequente dei tre attori principali – Stati Uniti, eurozona e Cina – a svalutazioni della moneta per favorire l’export. Tuttavia, queste tattiche si risolvono presto in un gioco a somma zero, e provocano accuse reciproche di manipolazione valutaria.

Inoltre le idiosincrasie del mercato petrolifero fanno sì che, nonostante un previsto calo della domanda, non assistiamo a un calo del prezzo che potrebbe venire in contro ai consumatori. Tuttavia vi sono anche aspetti positivi. In Cina aumenta la spesa per i consumi, come possono testimoniare i negozi online e i produttori nazionali di beni di consumo.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Mercati, dividendi banche: il 23 luglio la Bce decide. I campioni del dividend yield

Risparmio gestito, Bce: the day after

Mercati, Bce: un’estate di acquisti

NEWSLETTER
Iscriviti
X