Stati Uniti, “tallone d’Achille” dell’economia messicana

A
A
A
di Stefano Fossati 4 Luglio 2019 | 16:30

“La minaccia avanzata qualche settimana fa dal presidente Usa di imporre su tutti i prodotti provenienti dal Messico dazi doganali del 5% (con una tariffa che salirebbe progressivamente ogni mese fino al 25%, entro il 1° ottobre), ha mostrato in tutta la sua forza la vulnerabilità messicana”. Lo sottolinea Christophe Dumont, Economista di Candriam.

L’accordo raggiunto con gli Stati Uniti dopo la decisione del presidente di rafforzare il controllo dei confini non ha scongiurato definitivamente la minaccia dei dazi. Nel corso degli anni il Paese si è reso infatti sempre più dipendente dagli Usa: quasi l’80% dell’export è infatti destinato agli Stati Uniti e queste esportazioni costituiscono quasi il 30% del Pil nazionale (grafico 1).

Il Messico, insieme al Vietnam, rappresenta di gran lunga il Paese più esposto e vulnerabile a un aumento dei dazi statunitensi. Da ciò – continua Dumont – si comprende ancora di più l’impatto fortemente negativo che un eventuale incremento delle tariffe eserciterebbe sulla crescita del Paese. In un contesto di crescita del Pil già fortemente indebolito, secondo l’economista il Messico entrerebbe quasi sicuramente in recessione (grafico 2).

Il Presidente messicano Andrés Manuel Lopez Obrador non ha dunque avuto altra scelta se non quella di un rapido intervento distensivo con l’invio di 6.000 uomini della Guardia nazionale alla frontiera sud per arginare i flussi di rifugiati provenienti dall’America centrale e meridionale. Tuttavia, l’accordo concluso di recente con gli Stati Uniti non ha scongiura definitivamente la minaccia dei dazi. Come ha ricordato Donald Trump, se il numero di migranti non dovesse scendere a sufficienza, la minaccia potrebbe tornare nuovamente attuale.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo
NEWSLETTER
Iscriviti