G20; troppo presto per l’exit strategy

A
A
A

Il G-20 si apre a Pittsburgh. I temi caldi si concentrano sull’economia mondiale; la crisi è finita ma i suoi effetti continuano a farsi sentire, penalizzando il mercato del lavoro.Molti i punti di scontro, ma concordia tra i leader per quanto riguarda le exit strategy: è troppo presto. Tuttavia la Banche Centrali cominciano a muoversi.

di Giacomo Berdini25 settembre 2009 | 09:40

Ieri sera è ufficialmente iniziato il summit dei 20 grandi della Terra, a Pittsburgh in Pennsylvania, tra proteste di GreenPeace e forti misure di sicurezza.
I temi centrali riguardano le politiche fiscali per sanare il problema della disoccupazione, la gestione degli aiuti pubblici e i tetti dei bonus per i banchieri. Ma i punti di disaccordo sono ancora molti.
Se da un lato giungono appelli a non concentrare le discussioni intorno agli stimoli verso la crescita a scapito delle riforme per ristrutturare i mercati finanziari, dall’altro si muovono i primi passi verso le exit strategy.

La cancelliere tedesca Angela Merkel, prima di lasciare la patria per recarsi oltreoceano, ha lanciato un ammonimento a non dimenticare le lezione della crisi: “Dobbiamo essere sicuri che quel che è accaduto non si ripeta.”, ha dichiarato, “Per noi questo sarà il tema centrale della riunione; i politici devono trovare il coraggio di fare cose che magari le banche all’inizio non apprezzeranno”.
Silvio Berlusconi sottolinea invece l’importanza sulla lotta alla speculazione, che deve prevalere nell’interesse dei leader mondiali rispetto ai tetti sui bonus per i banchieri.
I punti di discussione sono quindi molteplici, ma tutti i leader sono concordi nell’affermare che i tempi non sono maturi per le exit strategy, nonostante la fine della crisi. Gli effetti della recessione sono ancora forti, soprattutto per quanto riguarda il mondo del lavoro, che risente di un forte tasso di disoccupazione, ma nel frattempo le Banche Centrali non restano ferme.

La Federal Riserve guidata da Ben Bernanke, in luce del miglioramento dei mercati, avvia il processo verso le exit strategy, continuando a garantire maxi emissioni di liquidità a tassi agevolati in favore delle banche, fino a gennaio, quando taglierà l’entità delle scadenze sulle aste. Stessa strada intendono prendere la Bce, la Banca d’Inghilterra e la Banca centrale Svizzera.


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Londra non ripeterà referendum, mercati sempre più nervosi

Sul debito greco Merkel e Lagarde andranno allo scontro o troveranno l’intesa?

Merkel: dopo accordo su terzo bailout possibile ristrutturazione debito greco

Nonostante la Merkel Milano chiude a +2,2%

Grecia, domani la riunione decisiva dell’Eurogruppo?

Cresce la pressione sulla Grecia, il listino di Atene arretra

Grecia, ancora nessuna intesa con la troika

Merkel-Tsipras: nulla di fatto o ipotesi di compromesso?

Grecia: entro lunedì il pacchetto di riforme per la Ue

Alla Grecia serve un altro miracolo entro venerdì

Alla Grecia servono subito 2 miliardi

Osborne: sulla crisi greca i rischi aumentano ogni giorno

La Merkel gela Tsipras: offensiva diplomatica fallita

Veneto Banca, nuove nomine nella direzione territoriale Centro Nord

Promotori, c’è tempo fino al 28 febbraio per comunicare i dati Iva

Meno polizze, più fondi: sono due conti mentali diversi

Fondi, ecco la classifica dei migliori obbligazionari di gennaio

Milano evita perdite grazie a recupero finale

Wall Street prudente ma sopra i valori di ieri

Ersel ritrova il sorriso con gli emergenti

A Barclays non dispiacciono le novità della Fed

Bnp Paribas, monitorare il comparto automobilistico

Etf, i big statunitensi alla conquista del mercato europeo

AIG perde quota a Wall Street

La Française, gli asset salgono a 42 miliardi nel 2013

Cordaro (Tages): con La Française avremo più forza e visibilità

Blueindex: Legg Mason sotto i riflettori

Milano in moderato calo dopo i primi scambi

Henderson Global Investors Top Funds febbraio 2014

Banco Popolare, Ubs sale al 3,84% del capitale

Banca Generali, tutte le novità 2014

Promotori, anche Banca Generali attinge da Credit Suisse

blueratingTV, INrete: le notizie più calde dal mondo dei promotori

Ti può anche interessare

Doppia nomina tra i responsabili di Consob

Nuovi responsabili per la Prevenzione della Corruzione e della Trasparenza e per la protezione dei D ...

Allianz Italia, buona partenza per il 2018

I premi Vita e Danni sono ammontati nel primo trimestre 2018 a 3,8 miliardi di euro (+1,8%) e l’ut ...

Pienone per i Bot e tassi finiscono sottozero

Il rendimento dei BoT semestrali è tornato negativo per la prima volta dall'aprile scorso a -0,025% ...