Azionario, il dollaro forte frena i mercati emergenti

A
A
A
Avatar di Stefano Fossati 16 Agosto 2019 | 14:00

Le azioni nei mercati sviluppati hanno guadagnato a luglio, ma le quote dei mercati emergenti sono scese a causa della forza del dollaro Usa. I rendimenti dei titoli di stato sono diminuiti (vale a dire i prezzi sono aumentati), mentre le obbligazioni societarie hanno sovraperformato. E’ la sintesi del commento sul mercato azionario e sulle economie delle aree macroeconomiche più importanti del mondo contenuto nell’Avalon Investment Report di agosto. Di seguito il report completo.

Europa

Le azioni dell’Eurozona sono rimaste praticamente invariate a luglio con l’indice MSCI EMU che ha registrato un rendimento dello 0,1%. Tra i settori che hanno ottenuto i maggiori guadagni vi sono stati la tecnologia dell’informazione e i beni di prima necessità, sostenuti dai solidi risultati del secondo trimestre di aziende come Nokia e Danone. Energia e finanziari sono stati tra quelli che sono diminuiti. Deutsche Bank ha registrato la più grande perdita trimestrale dal 2015 e ha annunciato 18.000 tagli di posti di lavoro nell’ambito di un piano di ristrutturazione.

I dati hanno mostrato che l’economia dell’eurozona si è espansa di appena lo 0,2% nel secondo trimestre, rallentando da un tasso di crescita dello 0,4% nel primo trimestre. L’inflazione annuale è scesa all’1,1% a luglio dall’1,3% a giugno. La Banca Centrale Europea ha indicato che stava elaborando piani per stimolare l’economia data la crescita debole e l’inflazione al di sotto degli obiettivi. Un pacchetto di misure di stimolo, compresi i possibili tagli dei tassi, dovrebbe essere annunciato a settembre. Christine Lagarde, attualmente capo del Fondo monetario internazionale, è stata nominata in sostituzione di Mario Draghi alla presidenza della Bce al termine del suo mandato il 31 ottobre.

La Commissione Europea ha deciso di non adottare provvedimenti disciplinari nei confronti dell’Italia in merito al suo deficit di bilancio dopo aver concluso che il governo di Roma non viola più le norme fiscali dell’Ue. Quest’anno la Spagna potrebbe dover affrontare ulteriori elezioni generali poiché il partito socialista (Psoe) non è riuscito a concordare la costituzione di una coalizione con Podemos.

Il Regno Unito è stato uno dei principali mercati azionari con le migliori performance a luglio, in termini di valuta locale. La sterlina è fortemente diminuita a causa della maggiore incertezza sulla Brexit che ha dato una spinta ai lavoratori stranieri nella fascia alta del mercato. Anche l’attività di fusione e acquisizione è stata di supporto.

Un certo numero di società a grande capitalizzazione che sembrano avere prospettive di crescita affidabili hanno esteso i loro forti guadagni da inizio anno a causa delle preoccupazioni circa le prospettive per l’economia globale. I prezzi delle azioni di questi cosiddetti titoli di “quality growth” sono aumentati molto più rapidamente dei loro profitti.

La sterlina è stata debole per i rinnovati timori di una disordinata partenza dall’Ue dopo che Boris Johnson è salito al potere come nuovo primo ministro del Regno Unito su un impegno “do or die” per raggiungere la Brexit il 31 ottobre. Nel frattempo, i dati dell’Ufficio per le Statistiche Nazionali hanno rivelato che il Pil ha registrato un rimbalzo dello 0,3% a maggio, dopo una contrazione dello 0,4% ad aprile.

L’indice dei direttori degli acquisti manifatturieri (PMI) di Markit nel Regno Unito è scivolato a 48,0 a giugno, dai 49,4 di maggio. Nel frattempo il PMI dei servizi è sceso a 50,2, vicino al livello di 50 che separa la contrazione dall’espansione, alimentando i timori di un’ulteriore perdita di slancio nel settore esposto ai consumatori dominante dell’economia. Sul versante positivo, le vendite al dettaglio sono rimbalzate a giugno, sfidando le aspettative per un altro declino mese su mese.

Stati Uniti

Le azioni statunitensi sono aumentate modestamente a luglio e hanno sovraperformato gli altri principali mercati azionari. Gli investitori si sono ampiamente spostati in paradisi sicuri percepiti come i Treasury statunitensi, poiché le tensioni commerciali continuano a offuscare le prospettive per investitori e aziende. Tuttavia, un inizio positivo nella stagione degli utili del secondo trimestre ha favorito la performance relativa degli Stati Uniti. La Federal Reserve ha agito alla fine del mese per tagliare i tassi di interesse di 25 punti base, ma il presidente della Fed Jerome Powell ha affermato che il taglio “non è l’inizio di una lunga serie di tagli ai tassi”. Gli investitori che si aspettano un maggiore impegno per il rallentamento della politica sono rimasti delusi. La propensione al rischio si è ridotta e il dollaro Usa si è ripreso.

L’economia americana rimane su un percorso di crescita calante. Il Pil reale (che è adeguato all’inflazione) è aumentato a un tasso annuo del 2,1% nel secondo trimestre, un significativo rallentamento rispetto al tasso di crescita del 3,1% registrato nel primo trimestre. L’indice dei direttori degli acquisti compositi flash (PMI) di luglio è aumentato da 0,1 a 51,6, con l’attività del settore dei servizi che ha compensato la lettura manifatturiera più debole dal 2009. Secondo i libri paga non agricoli di luglio 164.000 posti di lavoro sono stati aggiunti all’economia, che erano in linea con le stime. La disoccupazione rimane estremamente bassa.

Per settore, i servizi di comunicazione e la tecnologia dell’informazione hanno registrato buoni risultati nel corso del mese, principalmente sui guadagni migliori del previsto per Texas Instruments e Alphabet. Il settore energetico è stato più debole durante il mese, con l’assistenza sanitaria anche tra i ritardatari.

Giappone

Il mercato azionario giapponese ha chiuso il mese con un rendimento totale dello 0,9%. Lo yen è stato leggermente più debole rispetto al dollaro Usa a luglio, sebbene questa mossa sia stata bruscamente invertita il primo giorno di agosto a seguito del taglio dei tassi di interesse statunitensi.

Il principale evento nazionale sono state le elezioni della Camera Alta che sono state vinte comodamente dal Partito Democratico Liberale di Abe. Tuttavia, il partito non è stato all’altezza della maggioranza dei due terzi, il che avrebbe facilitato il perseguimento di Abe da parte della riforma costituzionale. Ancora più importante per gli investitori azionari, il risultato ha confermato la continuità della politica per il futuro prevedibile e ha effettivamente rimosso qualsiasi incertezza residua sull’aumento dell’imposta sui consumi in ottobre.

La Banca del Giappone non ha apportato modifiche alla politica o all’orientamento, ma le dichiarazioni di accompagnamento suggeriscono che una posizione più proattiva è possibile se lo yen dovesse apprezzare a un livello che minacciava di avere un impatto sull’economia reale. I dati pubblicati a luglio hanno generalmente confermato le prospettive esistenti per il Giappone, sebbene i dati sulla produzione industriale siano stati più deboli del previsto.

Le problematiche dei dazi commerciali e il rallentamento dell’economia globale continuano a incidere sui risultati aziendali giapponesi e sulle linee guida future. La stagione di rendicontazione per il trimestre chiuso a giugno 2019 era ben avviata alla fine di luglio, con una propensione leggermente negativa e la probabilità di un calo trimestrale degli utili aggregati. Sebbene la maggior parte di questi fattori abbia già un prezzo per il mercato azionario, è probabile che le aziende mantengano un approccio conservativo alla loro guida per l’intero anno.

Asia ex Giappone

Le azioni asiatiche, misurate dall’indice MSCI Asia ex Japan, hanno registrato un rendimento negativo a luglio. I risultati degli utili Q2 e i dati economici per la regione sono stati misti.

La Corea del Sud, dove una disputa commerciale con il Giappone ha pesato sulle prospettive, e l’India era il mercato dell’indice più debole. In India, l’annuncio del bilancio dell’Unione è stato deludente, mentre i dati economici e i risultati iniziali della stagione degli utili erano scarsi. Anche la Thailandia è rimasta indietro, poiché il mercato è tornato indietro a seguito della forte performance di giugno.

Al contrario, Taiwan ha registrato un solido guadagno, trainato da titoli IT che hanno continuato a risentire degli sviluppi commerciali tra Stati Uniti e Cina. L’allentamento delle restrizioni statunitensi alla società cinese di telecomunicazioni Huawei ha in qualche modo aumentato il sentiment. L’Indonesia e le Filippine hanno chiuso in territorio positivo e hanno sovraperformato. La Cina ha registrato un piccolo rendimento negativo ma ha sovraperformato l’indice MSCI Asia ex Giappone. I colloqui commerciali con gli Stati Uniti sono ripresi sebbene siano stati realizzati pochi progressi. Tuttavia, i dati economici di giugno hanno visto un certo recupero.

Mercati emergenti

Le azioni dei mercati emergenti sono diminuite a luglio, con la forza del dollaro Usa un vento contrario. L’indice MSCI Emerging Markets è diminuito di valore e ha sottoperformato MSCI World.

La Corea del Sud era il mercato dell’indice più debole in una disputa commerciale con il Giappone. Le critiche del presidente Trump allo status speciale del paese presso l’Organizzazione mondiale del commercio (OMC) hanno anche aggravato le preoccupazioni in corso sul commercio e sulla crescita globale. La Corea del Sud è considerata un paese in via di sviluppo sotto il regime dell’OMC. L’India ha sottoperformato a seguito di un annuncio deludente sul bilancio dell’Unione. Il Messico, dove il ministro delle finanze ha rassegnato le dimissioni citando le differenze con il presidente, e anche i mercati andini del Cile e del Perù sono rimasti indietro.

Al contrario, la Turchia ha registrato un solido rendimento in quanto la banca centrale ha tagliato i tassi di interesse di 425 pb al 19,75%; più di un taglio atteso di 250 bps. Il Brasile ha registrato un rendimento positivo tra i progressi nei progressi della riforma delle pensioni. Anche Taiwan ha sovraperformato, trainato da titoli tecnologici, che hanno continuato a risentire del sentimento nei confronti della controversia commerciale Usa-Cina.

Nei mercati emergenti, continuiamo a vedere un sottoinsieme di paesi con economie forti a livello domestico che hanno dimostrato la loro resilienza agli shock globali, tra cui potenziali perturbazioni del commercio. Ci concentriamo su paesi specifici che sono meno vulnerabili dall’esterno e più guidati a livello nazionale, e che hanno politiche fiscali e monetarie ortodosse.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Avalon: i grandi eventi che hanno caratterizzato l’economia nel 2020

Il coronavirus frena rilancia i titoli di Stato

Etp o fondi comuni? Come scegliere gli strumenti d’investimento secondo Avalon

NEWSLETTER
Iscriviti
X