Il G7 ha sancito la fine dell’era del consenso multilaterale

A
A
A
di Stefano Fossati 27 Agosto 2019 | 09:30

A cura di Stephanie Kelly, Senior Political Economist di Aberdeen Standard Investments

Il G7 di quest’anno ha rafforzato la preoccupazione che la costruzione del consenso multilaterale del decennio precedente si stia esaurendo. Mentre durante la crisi finanziaria questi incontri sono stati un’opportunità per i principali leader mondiali di riunirsi e costruire la fiducia nell’economia globale e nelle norme politiche liberali, negli ultimi anni è stato il contrario.

Oggi, per quanto riguarda gli investitori, il G7 2019 ha riguardato principalmente due Paesi al centro di un potenziale cambiamento del consenso commerciale globale: il Regno Unito e gli Stati Uniti. Per coloro che osservano la prima incursione di Boris Johnson nella sfera internazionale come primo ministro, è necessaria una certa razionalità. Mentre l’attenzione si è spostata su un accordo commerciale tra Regno Unito e Stati Uniti, siamo stati scettici sulla profondità e sulla velocità di un accordo di questo tipo; questo fine settimana ha riaffermato che, come Johnson ha ammesso, qualsiasi accordo tra Regno Unito e Stati Uniti richiederebbe un po’ di tempo. Nel frattempo, le preoccupazioni per un “No Deal Brexit” sono giustamente in aumento: i commenti di Johnson hanno ribadito l’accordo “touch and go” anche in questo fine settimana.

Il ciclone Trump sull’economia globale

Tuttavia, il fronte e il centro delle preoccupazioni per l’economia globale sono gli Stati Uniti. Il presidente Trump è entrato nel G7 sulla scia di una tempesta di Twitter, in cui ha suscitato tensioni con la Cina e ha criticato il suo presidente della Federal Reserve Powell. A ciò si aggiungono le sue richieste di riportare la Russia al tavolo del G7 e le sue osservazioni che definiscono l’adesione all’Ue un “ancoraggio” per il Regno Unito, e una cosa è chiara: Trump non è interessato alla costruzione del consenso multilaterale del passato.

Per gli investitori, la storia di fondo è quella del protezionismo tra le due maggiori economie, che pesa sul sentiment e crea volatilità nelle attività di rischio.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Fondi, Aberdeen Standard Investments diventa Abrdn

Fondi, da Aberdeen Standard Investments tre nuovi comparti per la transizione energetica

Asset allocation, lo stock picking del Bue

NEWSLETTER
Iscriviti
X