Crisi, è finita ma siate cauti

A
A
A
di Giacomo Berdini 1 Ottobre 2009 | 11:30
Secondo le stime del Fmi il Pil italiano sarà in crescita nel 2010, anche se a trainare i mercati saranno le economie emergenti. Spina nel fianco delle economie avanzate resta la disoccupazione, che si manterrà in crescita per tutto il prossimo anno.

Il Fondo Monetario Internazionale nel suo World Economic Outlook, confermando le anticipazioni di inizio mese, stima che il Pil italiano dovrebbe tornare positivo nel 2010 con una crescita dello 0,2%, dopo un calo del 5,1% nel 2009, raggiungendo la soglia dei livelli medi europei.

La stima del rapporto riguardo la disoccupazione rivela che il tasso dovrebbe raggiungere una quota al di sotto delle medie Ue, passando dal 9,1% del 2009 a quota 10,5% nel 2010.
Per quanto riguarda invece l’inflazione la quota resta moderata, con una crescita dello 0,7% quest’anno e dello 0,9 nel 2010 a fronte dello 0,8% di Eurolandia per il prossimo anno.

Lo studio, che effettua ricerche sul mercato globale, ha individuato la piazza asiatica come motrice trainante dell’economia mondiale per il prossimo anno, con Cina e India in testa. Anche il Giappone, dopo il calo del prodotto interno lordo di quest’anno, per il 2010 dovrebbe recuperare dell’1,7%.
Lenta invece la ripresa della Russia, che si assesta nella media delle economie avanzate con la chiusura del 2009 in negativo, per poi riprendere di poco più che un punto percentuale l’anno prossimo. Per il 2010 saranno invece le economie emergenti a riportare una crescita di 5 punti percentuale, continuando la salita intrapresa quest’anno.

Secondo il Fondo comunque il periodo peggiore è passato, nonostante sia meglio mantenersi prudenti e non contare troppo sulla ripresa che resterà debole. A risentire della crisi sarà ancora il mercato del lavoro, che vedrà una crescita lenta dei salari o forse anche un’ulteriore riduzione, in un mercato che per qualche tempo rimarrà incapace di creare occupazione. Il tasso di disoccupazione infatti è destinato a crescere nel corso del 2010 in tutte le economie avanzate, e risolvere questo problema rimane la sfida maggiore da affrontare

Il presidente del  Consiglio Silvio Berlusconi ha affermato che l’Italia “possiede le condizioni per riprendere il cammino della crescita. Sosterremo le imprese e nessuno sarà lasciato indietro”, assicura.
Il governo cerca di risollevare la fiducia del consumatore, ma con i salari bassi e il fantasma della disoccupazione in crescita il consumo potrebbe mantenersi su questi standard per tutto il prossimo anno, nonostante la ripresa delle esportazioni. 

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Banca Mediolanum, archiviata l’indagine su Berlusconi

Mediolanum, mazzata su Fininvest

Elliott Management potrebbe favorire passaggio di mano del Milan

NEWSLETTER
Iscriviti
X