Ftse Mib alle prese con una black spinning top

A
A
A
di Pietro Di Lorenzo 2 Settembre 2019 | 08:45

Il FtseMib ha disegnato una black spinning top in un movimento che ha toccato il massimo dal 1° agosto e successivamente corretto a causa dell’aprirsi di un fronte di incertezze sulla formazione del nuovo governo.

Il tema di politica interna è stato quello catalizzante nel corso della settimana e potrebbe esserlo anche nella prossima con i mercati in attesa che si trovi una quadra in particolare sui nomi dei Ministri Economici.

In ogni caso ci lasciamo alle spalle otto mesi brillanti per il mercato azionario italiano con il Ftse Mibin rialzo del 16.37%. Nonostante la grande volatilità,  il mese di agosto ha un bilancio solo frazionalmente negativo (-0.35%).

Le cinque Blue Chips che hanno meglio performato da inizio anno sono: Azimut Holding 68,08% Amplifon 66,26% Ferrari 65,01% Diasorin 52,33% Leonardo 44,96%.
Le peggiori sono: Pirelli & C -15,78% Ubi Banca -8,41% Banco Bpm -7,04% Bper Banca -4,19% Salvatore Ferragamo -1,61%.

Per chi avesse una logica di medio termine la domanda chiave è quale sono le azioni italiane sottovalutate che meglio potrebbero performanare negli ultimi quattro mesi del 2019. Abbiamo fatto un lungo approfondimento sul tema in questo articolo.

Operativamente giovedì abbiamo chiuso in buon profitto una posizione su Hera (operazioni illustrata in questo articolo e siamo tornati liquidi al 100% )
Lunedì ci attendiamo una seduta con volatilità e volumi in contrazione (a causa della chiusura di Wall Street per festività) nella quale sono più probabili i falsi segnali e dunque attenderemo martedì per rientrare sul mercato.

Tra i titoli interessanti in ottica di breve segnaliamo:

CNH Industrial che testa la trend line scaturente dai massimi toccati il 21 maggio 2018. Il superamento di questo livello, fornirà un interessante segnale di inversione.

Salvatore Ferragamo si riporta a contatto con il supporto in area 17 euro. Possibile assistere a una reazione degli acquirenti da questo livello.

Poste Italiane testa la resistenza chiave in area 9.9 euro. Una chiusura superiore a questo livello, fornirà un solido segnale di continuazione rialzista.

Recordati tocca nuovi massimi a 41.06 euro. Il superamento di questo livello, potrebbe calamitare nuovi acquirenti.

Prysmian si riporta a contatto con la resistenza chiave passante a 20€. Possibile intervenire a seguito del breakout di questo livello.

Banca Ifis mostra interessanti segnali di inversione della forza relativa apprezzandosi dell 8.98% negli ultimi cinque giorni. I prezzi testano la resistenza chiave a 14 euro, superata la quale ci attendiamo un deciso ritorno degli acquirenti.

A cura di www.sostrader.it

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Borse internazionali: il quadro tecnico settimanale di Aldrovandi

Mercati: Ftse Mib a doppia velocità

Mercati, petrolio: a quota 100 l’obiettivo finale del rally in atto

NEWSLETTER
Iscriviti
X