Poste Italiane al test della resistenza statica di breve

A
A
A
Avatar di Gianluigi Raimondi 2 Settembre 2019 | 17:00

Poste Italiane prosedue nell’uptrend in atto dalla seconda metà dell’ottobre dello scorso anno e va a testare la resistenza statica di breve termine posta a ridosso dei 10 euro. Un ostacolo che, almeno dal punto vista tecnico, ha buone chance per essere oltrepassato in tempi rapidi visti gli scambi giornali sostenuti e il fatto che indicatori e oscillatori non sono ancora in territorio di ipercomprato.

I prossimi obiettivi tecnici di Poste Italiane

Operativamente, una volta eventualmente confermato il superamento di quota 10, i successivi target del titolo sono individuabili in prima battuta a 10,50 euro e poi, dopo una salutare fase laterale di consolidamento di breve periodo, nell’area compresa tra 10,75 e quota 11. Cruciale però posizionare uno stop loss a 9,50 euro, dove coincidono ora le media mobili a 21 e 50 sedute.    G.R.

Il trend di medio termine di Poste Italiane

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Mercati, l’oro prova a rialzare la testa. Gli Etc a Piazza Affari

Fib, Dax ed EuroStoxx 50 incrociano al ribasso le medie mobili a 21 sedute

Le reti in Borsa: Banca Mediolanum e Banca Generali sotto i riflettori

NEWSLETTER
Iscriviti
X