Usa-Cina, entrati in vigore i nuovi dazi commerciali

A
A
A
di Gianluigi Raimondi 2 Settembre 2019 | 13:30

Sono entrati in vigore nuovi dazi doganali incrociati tra Stati Uniti e Cina. Washington applica ormai una tariffa del 15% su 112 miliardi di dollari relativi a tutta una serie di merci importate dal paese asiatico che, da parte sua, ha portato dal 5 al 10 percento i dazi su alcuni prodotti americani inclusi i semi di soia, le automobili e il petrolio, per una cifra d’affari pari a 75 miliardi di dollari.

L’entrata in vigore delle tariffe conferma l’escalation della guerra commerciale fra le due superpotenze economiche. Stati Uniti e Cina non sembrano comunque intenzionate a mollare la presa e a rinunciare a confrontarsi a muso duro, anche se le trattative dietro le quinte proseguono e l’incontro fra le due delegazioni agli inizi di settembre resta al momento confermato.

La posta in gioco per Trump è elevata, come fa notare anche il sito web della Rsi, soprattutto dal punto di vista elettorale: battere la Cina gli consentirebbe di avvalersi di un’importante vittoria davanti al suo popolo, preso di mira dalle tariffe cinesi.

Secondo gli analisti, i dazi di Trump costeranno in media a una famiglia americana mille dollari l’anno con il conseguente rischio di un rallentamento dei consumi. Un pericolo di cui l’amministrazione è consapevole e che intende disinnescare. Allo studio ci sarebbe infatti un nuovo taglio delle tasse pari all’ammontare dei soldi incassati dai dazi ottenuti dalla Cina.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Le tre variabili per la Germania

Asset allocation: quanto la Cina fa rima con profitto

Mercati: la Cina innesca il risk off

NEWSLETTER
Iscriviti
X