Pronti al direzionale

A
A
A
di Redazione 5 Ottobre 2009 | 07:11
Comincia un ottobre all’insegna delle correzioni.

I primi giorni hanno mostrato la situazione in maniera chiara: azionario che è sceso, bond market che è salito e mercato dei cambi che si è mosso di conseguenza.
Se cerchiamo di fare una panoramica del mercato FX, per fissare dei punti che possono supportare le nostre idee di trading, possiamo partire con un concettone.

Forse il mercato comincia ad essere pronto per partire in maniera direzionale. Parlando con diversi gestori di fondi, capiamo come fino ad ora essi siano rimasti in posizione, tutto sommato, neutrale. I movimenti di strappo che abbiamo visto nelle ultime settimane sono dovute alla speculazione di breve termine e le successive correzioni sono dovute alle necessarie prese di profitto dei trader intra-week.

Lo status delle diverse valute non è però cambiato rispetto a qualche tempo fa. Partiamo con il dollaro. Il mercato non ha ancora deciso che ruolo assegnare al greenback ed esso continua ad andare su e giù senza rompere nessun livello importante.

Il sentiment di lungo periodo è quello di poterlo vedere sotto pressione, in concomitanza delle conseguenze che avranno le exit strategies. L’euro rimane forte contro tutto e fino a che non arriveranno chiare indicazioni sul reale stato dell’economia mondiale, non vediamo motivi affinchè esso si debba indebolire.

Lo yen, in un contesto che vede i rendimenti globali scendere, sta guadagnando terreno contro tutti e sta consolidando i guadagni dovuti al fatto che molti risparmiatori giapponesi, le famose casalinghe che hanno supportato i carry trades negli ultimi 5 anni, preferiscono mantenere i risparmi in valuta locale anzichè venderli sul mercato per andare a reinvestirli (dove, se i tassi sono in letargo?).

Il franco svizzero è guardato a vista dalle autorità elvetiche, sempre pronte a spendere una parolina (che come sapete, secondo le nostre idee non è sufficiente per contenere la forza del Chf) ovvero a vendere franchi sul mercato (senza poi confermarlo, almeno così pensiamo sia successo l’ultima volta). La sterlina adesso è sotto pressione ma noi crediamo che nel medio, essa possa salire (facciamo fatica a pensare ad una ripresa economico-finanziaria non sostenuta da un pound forte).

Nella giornata di venerdì abbiamo assistito a forti scossoni sul cambio eurodollaro. Successivamente al dato relativo all’occupazione (non farm payrolls peggiori delle aspettative – -263k vs. -187k e tasso di disoccupazione a -9.8%)  vi è stato un rapido apprezzamento del dollaro sino a mostrare nuovi livelli di minimo del cambio, dalla metà di settembre, salvo poi  subire il movimento contrario e lasciare sul terreno 150 punti in meno di due ore di trading.

EurUsd – grafico orario

Osservando un grafico orario notiamo come i livelli attuali siano importanti per le sorti del cambio: a nei pressi di 1.4650 transita infatti la parte superiore del canale discendente dal doppio massimo di 1.4840, ed è questa la resistenza da superare per rivedere nell’immediato 1.4720 (il successivo livello importante). Il supporto al movimento non si trova troppo vicino, infatti è prossimo a 1.4550.

Passando al cambio dollaro yen, crediamo sia ancora importante il livello di resistenza di 90.20. Una volta che il cambio dovesse superare questo livello ci attendiamo, nel breve, un ritorno a 91.60. 89.25 è nell’immediato il supporto all’idea rialzista.

Allo stesso modo possiamo individuare, su un grafico orario, una resistenza per il cable davvero interessante: stiamo parlando di 1.6030. Il supporto invece al movimento di ripresa dal minimo di 1.5805 di venerdì è da ricercare a 1.5940 (dove transita la media mobile a 21 periodi e il canale inferiore della regressione lineare).

L’eurofranco si sta particolarmente avvicinando al livello di minimo (1.5077) a cui è intervenuta la Banca Centrale. Questo è da considerare il supporto a cui iniziare posizionamenti a favore della moneta unica.

Terminiamo con l’eurosterlina, dove indichiamo sempre il livello fondamentale di 0.9080 e ogni nuova escursione nei pressi del massimo di 0.92 figura (ma anche 0.9220 secondo il ritracciamento di Fibonacci dal massimo di 0.93 al minimo di 0.9080) come interessante per un acquisto di sterline.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Forex: i target price di Goldman Sachs sui cambi principali

Forex, Euro Index in altalena prima di nuovo forte movimento direzionale

Il punto tecnico sul mercato Forex di Giovanni Maiani

NEWSLETTER
Iscriviti
X