Svizzera, rallenta la crescita economica

A
A
A
di Gianluigi Raimondi 5 Settembre 2019 | 13:30

Nel secondo trimestre la crescita economica in Svizzera ha accusato un rallentamento: il Pil è cresciuto “solo” dello 0,3%, a fronte dello 0,4% registrato nei primi tre mesi dell’anno. Lo indica una nota della Segreteria di Stato dell’economia (SECO).

A pesare, come in altri paesi europei, è in particolare la domanda interna ed estera che si è sviluppata debolmente, influendo negativamente soprattutto nel terziario, come riporta il sito web della Rsi.

Tra aprile e giugno i consumi privati sono aumentati dello 0,3%, seppur un po’ al di sotto della media, complici le spese per la sanità, l’abitazione e l’energia. Deboli invece i consumi dello Stato (+0,1%), mentre sono mancati stimoli sul fronte degli investimenti nelle costruzioni (-0,1%). Di rimando, la creazione di valore nel ramo edilizio ha praticamente marciato sul posto (+0,1%).

Il settore industriale ha apportato invece un contributo significativo alla crescita del Pil: nel settore manifatturiero (+1,3%) la creazione di valore è infatti quasi riuscita a ritrovare la crescita dinamica del trimestre precedente. Sono aumentati poi anche i fatturati e le esportazioni del settore chimico-farmaceutico, sottolinea ancora la SECO.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Mercati, la Commissione Europea taglia stime crescita

Asset allocation, frena la crescita Usa: ecco cosa fare secondo Integrae Sim

Investimenti: ecco i tre temi cruciali da monitorare nei prossimi mesi

NEWSLETTER
Iscriviti
X