Rame sugli scudi, ma il rapporto con l’oro indica una prossima recessione

A
A
A
Avatar di Gianluigi Raimondi 6 Settembre 2019 | 12:00

Tra le commodity, nel comparto dei metalli non ferrosi, in questi ultimi giorni spicca il rame che segna i livelli più elevati dal 1° agosto con volumi relativi al future quotato al London Metal Exchange significativi (i più elevati da 12 settimane a questa parte).

Le ragioni dei rialzi del rame

“Gli operatori – spiegano da Wings Partners Sim – si sono improvvisamente accorti dei fondamentali positivi del metallo rosso, date le scorte doganali a Shanghai ai minimi di tre anni, i premi in Cina ai massimi da nove mesi e le  prospettive rosee sui consumi grazie alla ripresa degli investimenti nella rete elettrica cinese a cui vanno aggiunti i crescenti consumi legati al comparto dei veicoli elettrici (619.000 veicoli venduti nel periodo gennaio-luglio, +51% su base annua)”.

Pericolo recessione?

Attenzione però: “A ben vedere i segnali classici di una recessione imminente si sono moltiplicati in queste ultime settimane – avvertono gli analisti di Wings Partnersnon solo con l’inversione nella curva dei rendimenti tra decennale americano e Treasury a tre mesi, che ha correttamente pronosticato tutte le recessioni americane a far data dal 1955, ma anche di altri indicatori, quali per esempio il rapporto Oro/Rame a livelli compatibili ad una recessione globale”.

Crescita globale vs Oro/Rame

 

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Veicoli elettrici, le mani della Cina (e del mondo intero) su un settore a prova di crisi

Nickel, la “criptonite” delle auto elettriche

Brevetti, l’innovazione nelle batterie indispensabile per la transizione verso l’energia pulita

NEWSLETTER
Iscriviti
X