Utility, possibili modifiche della tassazione EU a favore delle rinnovabili

A
A
A
Avatar di Gianluigi Raimondi 17 Settembre 2019 | 15:30

La EU sta lavorando a una possibile riforma dei sistemi fiscali che non sarebbero più coerenti con il mix energetico attuale e gli obiettivi di sviluppo delle rinnovabili. Possibile quindi che le direttive prevedano una fiscalità più legata al contenuto inquinante e perciò più favorevole allo sviluppo delle rinnovabili. Le proposte includono anche l’ipotesi di una Carbon tax alle frontiere e la possibilità (su proposta dell’Italia) di escludere dal calcolo del deficit gli investimenti in energia rinnovabile.

La Bei potrebbe inoltre bloccare dal 2021 i finanziamenti a progetti per le infrastrutture energetiche direttamente collegati a combustibili fossili (potenzialmene negativo per Snam che sulle pipeline gas potrebbe perdere il canale di finanziamento della Bei).

“Manteniamo view positiva su tutto il segmento delle rinnovabili – affermano gli analisti di Equita – che gode di unvironment favorevole dal punto di vista regolatorio (Target EU ambiziosi, nuovo decreto RES appena approvato in Italia, possibile modifica della fiscalità a favore del settore, progressiva chiusura del coal, possibile introduzione carbon tax, riduzione costi di investimento e bassi tassi di interesse al finanziamento). Indicazioni positive per Erg, Falck Renewables, Alerion Cleanpower, Iniziative Bresciane ed Enel“.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Raccomandazioni di Borsa: i Buy di oggi da Anima a Tamburi

Il paese degli orsi: consigli di sopravvivenza per investitori incauti

Performance resilienti per i portafogli Usa di Finanza Operativa. Come riceverli

NEWSLETTER
Iscriviti
X