L'Oracolo – La leggenda del bevitore lavoratore

A
A
A
di Matteo Chiamenti 12 Ottobre 2009 | 15:15
Strane visioni dal mondo. In un periodo di netto calo della produzione industriale, la soluzione potrebbe essere più semplice del bere un bicchier d’acqua. O magari di vino.

Essere un assiduo bevitore, sempre che non si aggiri Ermanno Olmi nei dintorni, non è normalmente sinonimo di santità, ma al massimo di spirito molesto; tuttavia, stando a quanto emerge da una recente ricerca condotta dal sito livescience.com, sembra che la buona volontà in ambito lavorativo vada di pari passo con la propensione all’alcool.

Il sondaggio, condotto su di un pubblico di circa 230.000 americani mostra che i bevitori fanno attività fisica in media 7,2 minuti in più al giorno di coloro che non bevono, e i forti bevitori spendono circa 20 minuti in più al giorno al lavoro degli astemi e 10 in più dei bevitori moderati.

Sebbene i dati potrebbero far gioire il Bacco di turno rimane in noi un forte dubbio sull’interpretazione degli stessi. Un conto è produrre di più, un altro è magari sprecare 20 minuti nel cercare di mandare una mail di senso compiuto a un nostro cliente, possibilmente sprovvista di allusioni sessuali; da sbronzi, quest’ultima fattispecie risulta essere nettamentela più probabile.
 

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo
NEWSLETTER
Iscriviti