Cyberoo, al via il bookbuilding per la quotazione su Aim Italia

A
A
A
Avatar di Stefano Fossati 19 Settembre 2019 | 18:30

Cyberoo ha avviato il collocamento delle azioni, volto a costituire il flottante necessario per procedere all’ammissione alle negoziazioni su Aim Italia.

Cyberoo è una Pmi innovativa specializzata in cyber security per le imprese, la prima del settore che si quoterà in Borsa. Offre soluzioni proprietarie hi-tech – accessibili a qualsiasi azienda – a supporto del business, della sicurezza e della continuità operativa delle imprese, gestendo, monitorando e intervenendo in modo proattivo, con un servizio attivo 24 ore su 24 e 365 giorni all’anno.

L’azienda presenta notevoli potenzialità di crescita dovute a un mercato, quello della cyber security, in forte espansione – basti che pensare che il cyber furto di segreti commerciali è classificato al 4° posto come rischio globale all’economia – e a un vantaggio competitivo ottenuto grazie alle soluzioni innovative proprietarie sviluppate nel polo di ricerca di Kiev, in Ucraina.

L’offerta prevede una raccolta in aumento di capitale per un importo compreso tra 5 e 8 milioni di euro, una valutazione pre money della società compresa tra 18 e 25 milioni di euro, una forchetta di prezzo fissata tra 2,57 e 3,57 euro e un flottante fino al 26,3%. Il prezzo definitivo di sottoscrizione delle azioni sarà reso noto mediante pubblicazione di apposito comunicato stampa sul sito internet della società. È prevista l’assegnazione gratuita di 1 warrant per 1 azione ordinaria oggetto di collocamento (50% dei warrant in Ipo e 50% dopo un periodo di 6 mesi, il cosiddetto loyalty period). Il rapporto di conversione è di 1 azione ogni 2 warrant posseduti e il prezzo di conversione è calcolato sul prezzo di Ipo (maggiorato del 10% per ogni periodo di esercizio).

Il collocamento è iniziato il 18 settembre 2019 e terminerà il 27 settembre 2019 salvo proroga o chiusura anticipata, da rendersi nota tramite comunicato stampa da pubblicarsi sul sito internet di Cyberoo.

La società prevede di raggiungere un valore della produzione consolidato al 31 dicembre 2019 pari a circa 6,61 milioni di euro e un valore di Ebitda consolidato di circa 2,41 milioni di euro (36,4% del valore della produzione).

Al 31 dicembre 2018 Cyberoo ha registrato ricavi delle vendite pari a 4,57 milioni di euro (dati consolidati proforma), suddivisi nelle seguenti linee di business: Cyber Security per il 19%, Managed Services per il 63% e Digital Transformation per il 18%. Il valore della produzione è stato pari a 5,24 milioni di euro. L’Ebitda è stato di 1,73 milioni di euro (33,1% del valore della produzione). La posizione finanziaria netta 2018 è pari a 0,48 milioni di euro, mentre la PFN Adjusted è pari a 1,67 milioni di euro.

Per quanto riguarda i dati al 30 giugno 2019, la società ha registrato ricavi delle vendite pari a 2,63 milioni di euro (dati consolidati), suddivisi tra Cyber Security (19%), Managed Services (73%) e Digital Transformation (8%). Il valore della produzione è stato pari a 3,03 milioni di euro. L’Ebitda al 30 giugno 2019 è pari a 1,03 milioni di euro (33,9% del valore della produzione). La posizione finanziaria netta è pari a 1,08 milioni di euro, mentre la PFN Adjusted è pari a 2,35 milioni di euro.

“L’obiettivo di Cyberoo – spiega Fabio Leonardi, fondatore e Ceo della società – è quello di affermarsi quale leader nel mercato della cyber security. Il capitale raccolto sarà quindi utilizzato per rafforzare la struttura aziendale e il posizionamento della società sia in ambito nazionale che internazionale. Cyberoo è la prima società di cyber security in Italia ad aver avviato il processo di quotazione”.

Nel processo di ammissione alla quotazione Cyberoo è affiancata da EnVent Capital Markets in qualità di Nomad e Global Coordinator. BDO agisce come società di revisione mentre Grimaldi è legal advisor nell’operazione di quotazione, assiste la società l’avvocato Giorgio Barbieri dello studio Sutich Barbieri Sutich. A2B è consulente per i dati extracontabili, lo studio Bartoli & Arveda è consulente giuslavorista, lo studio Scoa è consulente fiscale mentre Close to Media è consulente per la comunicazione.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Borsa, Abitare In passa lunedì dall’Aim allo Star

Borsa Italiana, lo Star… superstar del 2020. L’Aim regge l’impatto del Covid

Borsa, Vantea Smart vola al debutto sull’Aim Italia: +32%

NEWSLETTER
Iscriviti
X