Hedge – Verso l’alta quota

A
A
A
di Giacomo Berdini 13 Ottobre 2009 | 14:40
Il 2009 è stato caratterizzato da buone performance che hanno consentito ai gestori di fondi di recuperare le perdite accumulate, ma ora è necessario riconquistare la fiducia degli investitori per ritrovare un brand ottimale.

Il mercato dell’hedge fund ha finalmente tirato fuori la testa dal fango per riprender quota e tornare ai livelli ottimali.
Sono molti i gestori di fondi hedge che stanno cercando di riconquistare il loro brand solido e forte, ma vanno rimossi tutti gli ostacoli che hanno afflitto il mercato penalizzando le performance, per riprendere a registrare raccolte che possano far risalire i fondi in quota. Questa è la maggior preoccupazione che ha interessato tutto il periodo seguente al duro 2008.

I fondi nella maggior parte dei casi si sono affidati a investitori che, quando si è presentato il rischio di perdere il proprio capitale, hanno rinunciato all’investimento raccogliendo la loro consueta quota del 20% su tutti i profitti, attendendo che gli assistiti  recuperassero le proprie perdite.
La media dei rendimenti del mercato hedge quest’anno è sopra del 17%, almeno stando alle stime effettuate dall’Hedge Fund Research. Questo incremento ha quindi riattivato molti gestori, che si sono impegnati per riacquistare i loro livelli ottimali.
Molte delle strategie applicate che hanno portato a delle performance in discesa nel 2008, come i mercati emergenti e i convertible bonds, nel corso del 2009 sono stati in testa alla classifica dei rendimenti. Molti dei gestori di hedge fund sono quindi riusciti a recuperare le perdite accumulate e a ritornare ai loro livelli di “high water”, come li ha definiti il Wall Street Journal.

Tuttavia per ritornare al brand ottimale ci vuole ben più che incrementare la percentuale di raccolta quel che basta per recuperare le perdite. La maggior parte delle società di gestione hanno come punto di riferimento per i livelli ottimali il periodo in cui gli investitori sono entrati nel fondo, ed è quindi imperativo ora riacquistare la loro fiducia. Questo significa che, per tutti quei fondi che hanno ricevuto investimenti nel 2007, e che hanno subito diversi riscatti a causa delle cattive performance del 2008, hanno ancora una lunga strada da percorrere per ritrovare un brand stabile.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Brexit: accordo tra Ue e Gran Bretagna può far rimbalzare la sterlina

Creval in rialzo a Piazza Affari, assemblea per rinnovo Cda si avvicina

Risparmio gestito: fondi hedge italiani non sono così speculativi

NEWSLETTER
Iscriviti
X