Poste Italiane aggiorna il massimo storico. E la corsa non è finita

A
A
A
Avatar di Gianluigi Raimondi 30 Settembre 2019 | 16:00

Poste Italiane allunga il passo e aggiorna il massimo storico a 10,505 euro proseguendo nell’uptrend iniziato nella prima metà dello scorso mese di agosto dopo la conferma della tenuta del supporto statico di medio termine a quota 9 euro. Un movimento, quello rialzista in atto, ben supportato dalla media mobile a 21 sedute al momento passante per 10,10 euro e che ha buone chance tecniche per proseguire dato anche il fatto che gli indicatori tecnici non sono ancora entrati in territorio di ipercomprato.

I prossimi target tecnici di Poste Italiane

Dal punto di vista operativo i prossimi obiettivi tecnici del titolo sono individuabili in prima battuta inarea 10,65/10,70 euro e, successivamente, oltre la soglia degli 11 euro. Attenzione però: è essenziale posizionare uno stop loss a quota 10,10, supporto dinamico al di sotto del quale si profilerebbe l’inizio di un movimento correttivo.

Da notare che, nonostante i nuovi massimi, Poste Italiane continua a vantare un rendimento del dividendo (dividend yield) del 4,08 per cento.     G.R.

Il trend di medio periodo di Poste Italiane

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Mercati, l’oro prova a rialzare la testa. Gli Etc a Piazza Affari

Fib, Dax ed EuroStoxx 50 incrociano al ribasso le medie mobili a 21 sedute

Le reti in Borsa: Banca Mediolanum e Banca Generali sotto i riflettori

NEWSLETTER
Iscriviti
X