Allarme Ism manufacturing a Wall Street

A
A
A
di Gianluigi Raimondi 2 Ottobre 2019 | 08:45

Ieri è arrivato da Wall Street un mini-shock con la pubblicazione dell’ISM manufacturing di settembre (47.8 da precedente 49.1 e vs attese per 50), che ha clamorosamente deluso le attese, mostrando la seconda lettura di seguito in territorio di contrazione e marcando il minimo da giugno 2009.

I dettagli confermano la debolezza: i new orders che restano in contrazione a 47.3, e gli export orders che segnano un minimo, perdendo altri 2.3 punti a 41.0, tanto per mostrare da  dove viene il rallentamento. Il sottoindice employment segna il minimo dal 2016, a 46.3. In generale, una conferma che il manifatturiero USA ha seguito la sorte di quello globale, e un indicazione che la situazione è assai più deteriorata di quanto ritenuto.

Certo, il manifatturiero in Usa ormai rappresenta poco più del 10% dell’economia. Ma resta però un settore leading del ciclo, e il rischio è che la debolezza filtri nei servizi, come stiamo cominciando a vedere in Eurozone, dove la contrazione del manifatturiero (che pesa assai di più) è in corso da otto mesi.

“Personalmente sono riluttante ad abbracciare appieno il messaggio di questo ISM – avverte Giuseppe Sersale, Strategist di Anthilia Capital Partners Sgr – in quanto mi pare che altre survey diano indicazioni meno negative. E’ il caso del PMI markit manifatturiero, che oggi  è stato rivisto,  per settembre di 0.1 in rialzo, a 51.1, massimo da aprile. tra l’altro, osservo che questa survey, leading in tutto il mondo ma considerata meno affidabile in US dove gli ISM hanno più diffusione e più storia, nell’ultimo periodo ha anticipato il suo più blasonato omologo”.

Il colpo, comunque si è sentito eccome sui mercati. Wall Street, che guadagnava bene, si è girata, e le prese di beneficio sull’azionario europeo si sono intensificate. “Una volta calmato il polverone, la reazione finale a questo dato ci dirà qualcosa in più sul tono del mercato. Ma occhio all’ISM non manufacturing, in uscita domani” conclude Sersale.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Investimenti, al via un nuovo super-cliclo per le materie prime

Usa, doccia gelata dai dati Ism

Il cataclisma Ism Usa e le conseguenze per i mercati finanziari

NEWSLETTER
Iscriviti
X