Il FtseMib deve fare i conti un “hanging man”

A
A
A
Avatar di Pietro Di Lorenzo 28 Ottobre 2019 | 08:45

Il FtseMib ha disegnato una candela hanging man che riporta i prezzi a contatto con i massimi annuali toccati giovedì 17 ottobre a  22.663 punti. L’indice archivia la terza settimana positiva consecutiva avviandosi a chiudere in rialzo (+2.26%) un mese certamente non favorevole storicamente per i mercati. Il bilancio da inizio anno si fa sempre più corposo con un rialzo del 23.38%.

Il mercato sarà chiamato a consolidare nell’ultima seduta del mese caratterizzata dall’apertura dei mercati venerdì (nonostante la festività) e dalla pubblicazione dei risultati di bilancio per diverse Blue Chips italiane e Usa. In queste fasi è possibile assistere a violenti movimenti direzionali sui singoli titoli che si possono sfruttare con rapide operazioni intraday come quella di venerdì su Moncler descritta in questo articolo.

Molte attese anche per la riunione del FOMC che terminerà mercoledì. Segnaliamo che con  il ritorno all’ora solare in Europa, nel corso della prossima settimana dci sarà una variazione del fuso orario tra Europa e America dove il passaggio all’ora solare avverrà il 3 Novembre.

Operativamente, nonostante l’impostazione positiva del mercato, teniamo in portafoglio una posizione short su un titolo bancario su cui prevediamo una veloce correzione.

Tra i titoli interessanti in ottica di breve termine si segnala:

Moncler strappa violentemente al rialzo chiudendo con un +11.33%. Attendiamo un veloce consolidamento per individuare un punto di ingresso a più basso rischio.

Tornano i volumi su Ferragamo (i più elevati dal 12 Settembre) che testa la trendline ribassista scaturente dai massimi del 25 luglio. Il superamento di questo livello, fornirà un interessante segnale di inversione.

Ci attendiamo volatilità su Mediobanca in attesa dell’assemblea. Monitoriamo il massimo annuale a 10.91 euro superato il quale è possibile attendersi una ulteriore accelerazione.

Tenaris, dopo aver a lungo sottoperformato l’indice, mostra timidi segnali di reazione. Attendiamo il completamento dell’1-2-3 Low in formazione (ovvero del superamento di 9.65 euro) per entrare in posizione.

Enel consolida sotto la resistenza passante in area 6.9 euro. Una chiusura superiore a questo livello, fornirà un solido segnale di continuazione rialzista.

A cura di Pietro di Lorenzo, www.sostrader.it

 

 

 

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Il Fib alle prese con la media mobile a 25 giorni

Ftse Mib in stand-by. Quattro big cap italiane sotto la lente

Enel tenta un rimbalzo da supporto statico. I prossimi target

NEWSLETTER
Iscriviti
X