Hedge – Manager tedesco in manette

A
A
A
di Giacomo Berdini 30 Ottobre 2009 | 14:30
Arrestato con l’accusa di frode Helmut Keiner, fondatore di K1. Tra gli investitori danneggiati Barclays e Bnp Paribas.

Dopo l’arresto del “re” dell’Hedge fund Rajakumara Rajaratnam, un altro importante gestore di fondi finisce in manette, ma questa volta non a Wall Street, bensì nella vecchia Europa.

Helmut Kiener
, fondatore dello hedge fund K1, è stato arrestato dalle autorità tedesche con l’accusa di essere il pianificatore di una frode per diversi milioni di dollari ai danni di Barclays e Bnp Paribas; pare che Barclays potrebbe aver perso addirittura 220 milioni di dollari, investiti nel fondo K1 Global Sub Trust e non va meglio per Bnp Paribas che, si legge nel mandato d’arresto, ha investito in K1 60 milioni di dollari fra il 2007 e il 2008 .
I cinquantenne Kiener è sotto inchiesta per frode e abuso di fiducia, come è stato annunciato da Dietrich Geuder, capo della procura di Wuerzburg, città della Germania meridionale.

Una portavoce dello studio legale Lutz Libbertz, che difende Kiener, ha dichiarato che il manager “ha due figli, è sposato, quest’anno ha avuto un’udienza privata con il Papa e ha un jet da 60 milioni di euro all’aeroporto di Francoforte. Non è un uomo insignificante”. Eppure la legge è uguale anche per lui, come lo è per Rajaratnam, miliardario a capo dello hedge fund Galleon, anche se pare che i suoi difensori non se ne siano accorti.

Oggi infatti i suoi avvocati hanno inviato al tribunale di Manhattan una lettera in cui definiscono deboli le accuse formulate nei confronti del manager e si dicono convinti di vincere la causa. I legali hanno inoltre chiesto al giudice di ridurre la cauzione a 25 milioni di dollari, dagli attuali 100 milioni, e rivedere le restrizioni ai viaggi.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo
NEWSLETTER
Iscriviti