Petrolio Brent in lento ma costante recupero. I target e gli Etc a Milano

A
A
A
di Gianluigi Raimondi 12 Novembre 2019 | 17:00

Avanti piano ma avanti e con costanza. Questa la marcia del petrolio Brent, che prosegue seppure lentamente nel recupero intrapreso dai corsi a inizio ottobre. Un movimento caratterizzato da un basso coefficiente angolare che consente ai principali indicatori e oscillatori tecnici di mantenersi distanti dalla zona di ipercomprato e quindi favorire la ripresa delle quotazioni dopo la brusca discesa accusata nella seconda metà di settembre.

I prossimi target tecnici del petrolio Brent

Dal punto di vista operativo, al rialzo e dollaro permettendo, i prossimi obiettivi del petrolio Brent sono individuabili in prima battuta nell’area compresa tra i 64 e i 65,60 dollari per barile e, successivamente, oltre la resistenza in area 67,50.

Attenzione però: è cruciale posizionare uno stop loss (oppure uno stop and reverse) a 60,90 dollari, dove al momento transitano la media mobile a 21 sedute e il supporto dinamico ascendente di medio periodo al di sotto del quale si profilerebbe l’inizio di un ritracciamento delle quotazioni verso 58 prima ed eventualmente 56 dollari poi.

A Piazza Affari sul brent sono disponibili i seguenti Etc: Etfs Brent Crude, Boost Brent Oil Etc, Boost Brent Oil 3x Leverage Daily Etp, Etfs Brent 1mth Oil Securities e al ribasso Etfs 1x Daily Short Brent Crude.      G.R.

Il petrolio Brent nel medio termine

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

NEWSLETTER
Iscriviti
X