Settore bancario, i dati di Banca d’Italia di settembre confermano le indicazioni dei mesi precedenti

A
A
A
Avatar di Stefano Fossati 13 Novembre 2019 | 16:30

I dati di Banca d’Italia sul settore bancario relativi al mese di settembre confermano le indicazioni emerse nei mesi precedenti riguardo incremento degli impieghi, esposizione a titoli sovrani e generazione di Npl. Lo evidenziano gli analisti di Equita Sim. Si conferma un contesto competitivo poco razionale e contraddistinto da una nuova riduzione dei tassi, questa volta nel segmento retail dopo la variazione nel segmento corporate&Sme di agosto.

Volumi

Gli impieghi a settembre hanno registrato un tasso di crescita dello 0,5% contro lo 0,6% del mese di agosto, a causa di un nuovo rallentamento del segmento corporate&Sme (che cala da -0,7% a -1%), controbilanciato da una crescita solida del segmento retail (da +2.4% a +2.5%).

Raccolta

Scende lievemente il costo sui nuovi flussi di raccolta (-1 punto base rispetto ad agosto a 0,78%), dovuto al leggero calo nel segmento retail (1 punto base), mentre il segmento corporate resta stabile confermando il livello registrato ad agosto.

Titoli di Stato

A settembre le banche non hanno modificato la loro esposizione ai titoli governativi (402 miliardi di euro) che resta quindi in linea col valore registrato nei due mesi precedenti.

Spread

I tassi sulle nuove erogazioni corporate&Sme sono rimasti inalterati rispetto a 1,26% e quindi in linea con i minimi di agosto. Sensibile variazione al ribasso per il tasso medio sui nuovi mutui retail, che è sceso di ben 26 punti base abbattendo la soglia del 2% (1,82%). I tassi su entrambi i segmenti di clientela restano quindi ai minimi degli ultimi 4 anni in un contesto che permane altamente competitivo.

Asset quality

Ad agosto i flussi di nuovi Npl sono stati pari a 771 milioni (in diminuzione rispetto ai picchi di agosto pari a 871 milioni) ma sopra la media mensile di inizio anno di 685 milioni. il tasso di crescita dello stock è confermato a 3,5%. L`accelerazione dei flussi di Npl in un contesto macro che potrebbe peggiorare rappresenta la più tangibile minaccia per il settore bancario, secondo gli analisti di Equita Sim.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Tips, la piattaforma europea per i pagamenti elettronici potrebbe favorire la nascita dell’euro digitale

Visco (Banca d’Italia): banche e fondi hanno retto bene alla crisi

Bankitalia: non ci sarà una ripresa a “V”

NEWSLETTER
Iscriviti
X