Il petrolio verso una correzione al rialzo dei prezzi?

A
A
A
Avatar di Stefano Fossati 15 Novembre 2019 | 14:30

A cura di Nitesh Shah, Director Research di WisdomTree

I mercati petroliferi hanno registrato per mesi un trend ribassista. In sette delle ultime otto settimane, le scorte petrolifere statunitensi sono state superiori ai risultati dell’indagine di consenso di Bloomberg, contribuendo al sentimento ribassista. Anche la chiusura della Keystone Pipeline (che porta il petrolio canadese negli Stati Uniti) per due settimane ha contribuito ben poco per stimolare i prezzi al rialzo.

In questo periodo di prezzi deboli, i conti delle piattaforme petrolifere statunitensi sono in calo. Tuttavia, la produzione petrolifera statunitense rimane stabile ai massimi livelli.

Per mantenere la produzione a questo ritmo, gli Stati Uniti si sono affidati ai giacimenti già avviati (Duc) ma non ancora sfruttati appieno, costruiti in periodi di prezzi più elevati, ma con un tetto massimo per l’utilizzo futuro. Tuttavia, lo stock contenuto nei Duc non può durare per sempre. Un’epoca di prezzi deboli sta mettendo sotto pressione i produttori di shale oil americani. Chesapeake Energy, ad esempio, ha lanciato la scorsa settimana un avvertimento “going-concern”. La diminuzione dei volumi di produzione potrebbe portare nel tempo a una correzione al rialzo dei prezzi.

(Source: WisdomTree, Baker Hughes, Energy Information Administration, Data as of 8 November 2019)

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Petrolio Brent al test della trendline discendente di medio termine

L’inflazione sta già cambiando lo scenario, oro e sterlina sugli scudi

Pragmatismo sull’azionario ma ancora in subbuglio le commodity

NEWSLETTER
Iscriviti
X