Juventus, titolo verso una futura esplosione dei prezzi

A
A
A
di Stefano Fossati 19 Novembre 2019 | 10:00

A cura di Alessandro Moretti, fondatore di Segnaliditrading.net

La Juventus Football Club è una società calcistica italiana con sede nella città di Torino. Fondata nel 1897 da un gruppo di studenti liceali locali è il secondo club calcistico professionistico per anzianità tra quelli tuttora attivi nel Paese.

Quotata alla Borsa Italiana dal 2001, la Juventus è una società per azioni tra i primi dieci club calcistici su scala mondiale in ambito finanziario per fatturato, valore borsistico e profitti. Dal 2013 al 2018, la Juventus Football Club ha aumentato le sue entrate annuali. Secondo i dati, questa società calcistica torinese ha registrato un fatturato annuo di circa 272 milioni di euro nel 2013. Quindi, nel 2018 questa cifra è salita a 395 milioni di euro.

Nonostante l’aumento complessivo nel periodo in esame, le entrate annuali della Juventus hanno registrato una leggera diminuzione tra il 2017 e il 2018

L’analisi delle entrate di un club calcistico ai massimi livelli

Il flusso di entrate della trasmissione è la principale fonte di entrate per la Juventus FC. Nel 2017/2018, la squadra di calcio ha guadagnato circa 200,4 milioni di euro dalla trasmissione di competizioni nazionali e internazionali, più del doppio di quanto ha guadagnato nel 2011/2012.

Il secondo più grande flusso di entrate è stato commerciale: sponsorizzazioni e merchandising. Nel 2017/2018 è ammontato a 143,3 milioni di euro.

Ma… Non è tutto oro quel che luccica. La perdita netta della Juventus FC è aumentata da circa meno 15,9 milioni di euro nel 2012/2013 a circa meno 39,9 milioni di euro nel 2018/2019.

L’arrivo del supercampione e l’impatto sul bilancio

Il 10 luglio 2018 la società annuncia l’acquisto della superstar mondiale del calcio Cristiano Ronaldo. Dopo una prima euforia borsistica dovuta ai rumors dei giorni antecedenti, il titolo, dopo l’annuncio ufficiale ha subito una discesa del 13% in 2 giorni.

Se ci spostiamo più su lungo periodo sembra che l’impatto non sia stato dei migliori. L’acquisto del fenomeno portoghese ha fatto lievitare il costo del personale tesserato fino a 301,3 milioni mentre l’anno precedente era di 233,3 milioni.

L’impatto di Ronaldo ha generato 46,29 milioni di euro di nuovi incassi, i quali però non bastano a sostenere i costi del suo arrivo che rappresentano il doppio degli introiti a lui ascrivibili.

Uno sguardo al titolo in Borsa

Nonostante il calo degli utili dunque e l’aumento graduale delle spese, il titolo azionario si sta comportando piuttosto bene nel lungo periodo. Nell’ultimo anno ha performato un +30% rispetto al -6% del suo settore e a un 18% del mercato italiano. A lunghissimo periodo addirittura (5 anni ) il titolo ha guadagnato ben il 548%.

A livello tecnico dalla metà di agosto c’è stato un forte rallentamento con conseguente calo forza relativa che in questo momento è sotto l’indice di riferimento Ftse Mib40. Se guardiamo il grafico dei prezzi possiamo notare che siamo entrati in una grossa fase di congestione, con volatilità via via sempre più decrescente.

Questo ci può far pensare a una futura esplosione dei prezzi anche se non si può dire minimamente quando avverrà ne la presunta direzione.

Nel lungo periodo come abbiamo visto anche prima siamo comunque in una fase ancora rialzista seppur con le dovute pause a volte anche lunghe.

Ti è stata utile questa analisi tecnica e fondamentale del titolo Juventus? Se vuoi vedere dal vivo come analizzo altri titoli con la mia strategia di Analisi Integrata e scoprire i segreti della mia strategia, ti invito al webinar gratuito che trovi qui dove analizzeremo insieme il titolo Apple.
Vedrai dal vivo il dietro le quinte di quello che faccio ogni giorno per analizzare quelle società che presentano i migliori dati fondamentali ed un’ottima impostazione tecnica.
Nel webinar analizzerò la società Apple nei dettagli fornendoti anche dei potenziali spunti operativi.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Buongiorno mercati: l’analisi di Alessandro Moretti su azioni e indici

Buongiorno mercati: l’analisi di Alessandro Moretti su azioni e indici

Buongiorno mercati: l’analisi di Alessandro Moretti su azioni e indici

NEWSLETTER
Iscriviti
X