Saipem si aggiudica contratti per 500 mln

A
A
A
di Redazione 13 Novembre 2009 | 13:00
La controllata al 43% da Eni si è aggiudicata nuovi contratti on-shore per mezzo miliardo di euro. In Australia la società realizzerà un molo e delle strutture maritime per un progetto di lavoro, mentre in Kuwait ha acquisito una compagnia petrolifera. Di seguito, la nota della società.

Saipem, controllata al 43% da Eni, si è aggiudicata nuovi contratti on-shore per un valore complessivo di circa 500 milioni di euro. In Australia Saipem, in consorzio con Leighton Contractors, ha acquisito dalla Chevron il contratto EPC (Engineering, Procurement, Construction) per la realizzazione di un molo e delle strutture marittime associate nell’ambito del progetto Gorgon LNG. Lo scopo del lavoro prevede l’ingegneria, l’approvvigionamento, la fabbricazione, la costruzione e la messa in esercizio del molo e delle relative strutture marittime per il nuovo impianto Chevron Gorgon LNG sito sull’isola di Barrow, 70 chilometri circa al largo della costa di Pilbara nell’Australia Occidentale. Il molo sarà lungo 2,1 chilometri e sarà composto da una struttura in travi d’acciaio di 70 metri supportata da 55 cassoni di cemento armato che terminerà con le piattaforme di carico situate a circa quattro chilometri dalla costa. Le strutture a mare comprenderanno un’unità di sollevamento di carichi pesanti, ormeggi per i rimorchiatori e dispositivi di supporto alla navigazione.

L’utilizzo di cassoni di cemento armato ridurrà l’impatto ambientale grazie all’eliminazione dell’utilizzo del sistema tradizionale di costruzione su pali, che avrebbe richiesto l’interramento sul fondale marino di centinaia di pali d’acciaio. Il completamento dei lavori è previsto nel 2013. In Kuwait Saipem ha acquisito dalla compagnia petrolifera kuwaitiana KOC (Kuwait Oil Company) il contratto EPC (Engineering Procurement Construction) per la sostituzione dei sistemi di compressione presso i Gathering Centres 07, 08 e 21 di KOC situati nel sud del Paese. Lo scopo del lavoro prevede l’ingegneria, l’approvvigionamento, la demolizione e smaltimento degli impianti esistenti, la costruzione, l’installazione, l’avvio degli impianti e l’addestramento del personale per tre nuovi compressori LP centrifughi a propulsione elettrica – uno per ognuno dei tre Gathering Centres  – completi di depuratori in ingresso e in uscita e di sistemi elettrici e di controllo. I lavori saranno completati in circa 32 mesi.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Petrolio, le previsioni sul prossimo meeting Opec

Ftse Mib, quota 24.000 non è una chimera. Cinque big cap sotto la lente

Eni allunga il passo in scia al petrolio. I prossimi obiettivi tecnici

NEWSLETTER
Iscriviti
X