Ipotesi Robin Tax al 2% per le concessionarie di servizi pubblici: gli impatti

A
A
A
di Stefano Fossati 4 Dicembre 2019 | 12:30

Spunta l’ipotesi di introduzione di una Robin Tax al 2% per le concessionarie che eseguono l’ammortamento finanziario delle infrastrutture, in sostituzione della proposta di limite all’1% della deducibilità degli ammortamenti dei beni gratuitamente devolvibili.

Il riferimento è chiaramente ai concessionari autostradali, tuttavia, il Sole 24 Ore indica anche i porti, aeroporti, servizi di telefonia, radio, tv ma anche i produttori di energia elettrica. Secondo le indicazioni di Mf l’opzione sarebbe solo per 3 anni.

Secondo gli analisti di Equita, considerando il gettito previsto di 340 milioni di euro per il 2020 e di 170 milioni a regime , l’applicazione al 2% dovrebbe coinvolgere una base imponibile di 8,5 miliardi di euro, che suggerirebbe, in effetti, un ambito di applicazione molto più ampio delle concessionarie autostradali.

Da verificare quindi i settori coinvolti che potrebbero anche includere, effettivamente, non solo le motorways, ma anche, come riportato sopra, le reti energetiche, le concessioni idroelettriche, i porti, gli aeroporti, la telefonia, le radio, tv (sembrerebbero escluse secondo il Sole 24 Ore le balneazioni e le aziende petrolifere).

Potenzialmente coinvolte quindi: Atlantia, Astm, Enel, Erg, A2A, Iren, Hera, Acea, Ascopiave, Telecom, Rai, Mediaset, Cairo.

L’impatto, per gli analisti, non è particolarmente rilevante (nell’ipotesi di applicazione per 3 anni) ma è negativo in termini di percezione del rischio Paese. La Robin Tax (applicata in passato al settore energetico) è già stata dichiarata incostituzionale nel 2018 e riteniamo che l’ipotesi di reintroduzione possa avere estremi di inapplicabilità.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Mercati, A2a: Standard Ethics conferma rating e outlook

Mercati, utility: le azioni per sfruttare il nuovo disegno legge

A2a, Standard Ethics migliora l’outlook a “Positivo”

NEWSLETTER
Iscriviti
X