Il bull market dei Paesi emersi

A
A
A

E che la ripresa sia in corso, al di là dei macrodati che vengono sparsi come il mangime per i piccioni qua e là, lo dicono le borse. I mercati finanziari, si sa, tendono ad anticipare gli eventi.

Avatar di Redazione19 novembre 2009 | 15:20
Ben Bernake (nella foto sotto), presidente della Federal Reserve, strilla: “Voglio un dollaro forte”. Gli americani, dopo essersi avvantaggiati di una sorta di svalutazione competitiva (come ai tempi della liretta) cominciano a rendersi conto che il dollaro non può rimanere ai minimi ancora per troppo tempo. Gli Stati Uniti premono per una rivalutazione dello yuan, la moneta cinese, che da oltre un anno è di fatto agganciato al dollaro. Con la Cina poi sono in atto da tempo tensioni sul commercio. Il viaggio di Barak Obama a Pechino si spiega soprattutto se letto in queste due chiavi. Ma non sarà solo Obama a dover chiedere. La Cina ha davanti un percorso inevitabile di metamorfosi socio-politica. E gli Usa sono un punto di riferimento mondiale troppo importante. La Cina fa parte degli “ex-paesi emergenti” che ormai sono diventati “paesi emersi” al pari dell’India e di tutto l’arcipelago che va dall’Asia e costeggia l’Africa fino all’America Latina. In passato eravamo abituati che la locomotiva mondiale avesse spesso la bandiera a stelle e strisce e qualche volta quella europea. Adesso il tempo è cambiato e i vagoni vengono trainati dai “paesi emersi”.

Nel frattempo il panorama mondiale continua a restare sostanzialmente immutato: facile oggi dire che l’oro e le altre commodities avrebbero continuato a salire e il dollaro a scendere o comunque a non rimbalzare (Soldi vi ha già spiegato i meccanismi nei numeri precedenti).

L’articolo completo lo puoi trovare su Soldi,
in edicola in questi giorni


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

FED, sotto attacco dai repubblicani

Bernanke: rischio deflazione

Bernanke, strada lunga per la ripresa

Bernanke, continueremo a tenere fermo il costo del denaro

La giornata di Bernanke e Tremonti

Oggi parla Bernanke: tassi fermi in Usa

Gli appuntamenti di oggi

La Fed aiuta le banche europee

Obama, una donna per Bernanke

Bernanke, programma sostenibile sul debito pubblico

Fed, giù la maschera alle banche

Fed, risolleviamo i tassi

Obama Vs banche, scontro finale

La Fed promette ancora tassi bassi

Bernanke contro i giganti

Bernanke non spaventa i listini

Bernanke, l’occupazione resta debole

Fed più ottimista sulla crescita Usa

Bernanke riconfermato alla Fed

Bernanke verso la riconferma alla Fed

Fed, 2009 d’oro

Bernanke, uomo dell’anno di Time Magazine

Addio al premio Nobel Samuelson

Bernanke, il seggio traballante

Bernanke, oggi verdetto sul secondo mandato

Bolla, è stato di allerta

Fed, riformiamo il sistema

Bernanke – Niente più Super-Fed

G20; troppo presto per l’exit strategy

USA; super authority anche per noi

Bonus, banche Usa nelle mani di Bernanke

Ben Bernanke truffato in banca

Goldman dispensa consigli solo per pochi

Ti può anche interessare

Mirabaud AM: gli anti etf

“Lasciate ogne speranza di sovrarendimento, voi ch‘intrate”. Con una battuta dai rimand ...

Consob, Bertezzolo prende servizio

Il nuovo segretario generale è operativo ...

Spada Partners si allarga all’estero

Spada Partners ha annunciato l’adesione al network fiscale internazionale XLNC. Si tratta di un ...