L’Euro sprofonda nel cambio con la sterlina dopo la vittoria di Boris Johnson

A
A
A
di Gianluigi Raimondi 13 Dicembre 2019 | 10:00

Il trionfo per i conservatori di Boris Johnson e la dichiariazione che il 31 gennaio il Regno Unito uscirà dall’Ue “senza se e senza ma”, l’euro ha segnato un nuovo minimo dal luglio del 2016 nel cambio con la sterlina inglese toccando quota 0,8277.

Il trend dell’Eur/Gbp nel medio termine

Certo, il cross l’Eur/Gbp è ora in territorio di ipervenduto tecnico sul grafico daily. Tuttavia, osservandolo sul grafico su base weekly è evidente che nelle prossime sedute potremmo assistere a nuovi minimi  dei corsi, previo un possibile movimento laterale di consolidamento di breve periodo.

Il trend dell’Eur/Gbp nel medio-lungo termine

I prossimi obiettivi tecnici dell’Eur/Gbp

Dal punto di vista operativo, al ribasso i prossimi target tecnici sono individuabili in prima battuta a quota 0,819 e poi, eventualmente in area 0,800. E solo la conferma del ritorno al di sopra di quota 0,840 potrebbe ridare al cross qualche canche credibile di recupero.      G.R.

 

 

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Investimenti, obbligazioni: quando i minimi diventano un’opportunità

Mercati, Ftse Mib: il dubbio è una falsa rottura del trend laterale

Borse internazionali: il punto tecnico di Aldrovandi al 21/01/22

NEWSLETTER
Iscriviti
X