Fiat e il piano Marchionne

A
A
A
Avatar di Fabio Coco 26 Novembre 2009 | 10:20
Il mercato delle vendite d’auto in Italia, le dinamiche attorno al mondo Fiat, i modelli Chrysler negli States: punto sui progetti di Sergio Marchionne per il futuro del Lingotto.

Nonostante un 2009 sicuramente non positivo per il mercato delle auto, l’amministratore delegato di Fiat Sergio Marchionne, ha dichiarato che a novembre le vendite si sono rivelate in linea con le aspettative della società, confermando il raggiungimento dei target sanciti per l’anno corrente. Per il prossimo futuro, però, bisognerà porre attenzione alle evoluzioni del settore: “Bisognerà vedere come andranno le cose l’anno prossimo” ha dichiarato il Ceo della casa automobilistica. Le dinamiche del settore, infatti, potrebbero costringere Fiat a chiudere alcune filiali in Italia, a causa del vertiginoso calo delle vendite di auto, segmento di mercato tra i più penalizzati dalla crisi finanziaria. Per quanto riguarda l’affare Chrysler, il top manager di Fiat ha escluso la necessità di altre alleanze per il Lingotto: “Fiat e Chrysler bastano da sole, la presentazione che abbiamo fatto il 4 novembre in America era assolutamente chiara” ha dichiarato Marchionne. Per attirare l’interesse dei consumatori, la società americana offrirà dei finanziamenti a tasso zero fino a 60 mesi, oppure incentivi sino a 4.000 dollari per i modelli del 2010. Con questa mossa incentivante, l’a.d. di Fiat spera di risollevare le vendite della casa automobilistica statunitense. Una mossa per ogni brand, è la strategia messa a punto da Sergio Marchionne. Sui modelli Chrysler sono, difatti, previsti incentivi sino a 3.000 dollari, mentre sino a 4.500 USD se ci si riferisce al brand Jeep, oppure sino a 2.500 dollari per il marchio Dodge. Settimana scorsa, da 10,92 euro, il titolo è arrivato a chiudere venerdì a 10,01 euro, un calo a cinque giorni dell’8,33%. Ad ogni modo, le prospettive sul titolo rimangono buone, con un consensus Reuters per la maggior parte concentrati su un rating di “hold”. Il target price medio, secondo Yahoo finanza, è attorno i 10,70 euro.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Fiat lascia Piazza Affari, lunedì sbarca Fca

Milano piega la testa a fine giornata

Milano prudente, Fiat torna a correre

Milano continua ad arretrare in attesa di Draghi

Fiat ancora in rosso, Credit Suisse non è convinta

Milano non si cura dell’Asia, attende Draghi

Milano accelera il passo sul finale, bene Bper e Ubi Banca

Milano rimbalza in scia alle banche, cade Fiat

Piazza Affari parte bene ma chiude in deciso calo

Fiat si rimette in carreggiata, Buzzi Unicem in crisi

Milano in rialzo, bene i titoli della famiglia Agnelli

Milano sottotono: brilla Fiat, in crisi Yoox

Milano chiude stabile, brillano Fiat e Mps

Milano sottotono, Fiat allunga il passo

Milano prova a riprender quota

Per Fiat ora si parla di Peugeot

Fiat e Yoox non bastano a Milano

Gli investitori riscoprono il lusso, i trader seguono Fiat

Milano in modesto rialzo in attesa della Bce

Milano prosegue il rally di inizio luglio

Piazza Affari riparte, smaltiti i dividendi

Milano si riprende, Fiat no

Fiat e Yoox subito in luce a Milano

Il crollo di Fiat azzoppa Piazza Affari

Milano soffre con Fiat, Finmeccanica e Bper

Milano in rosso, perde quota anche Fiat

Fiat inizia a dare i numeri

Milano ci riprova, occhio a Fiat

Milano positiva, in luce Bpm e Fiat

Bpm sopra tutti, Milano brilla in Europa

Fiat e Telecom Italia trascinano al rialzo Milano

Milano riparte sfruttando le voci

Milano riparte nonostante lo stacco dividendi

NEWSLETTER
Iscriviti
X