Assicurazioni: le raccomandazioni di Mediobanca dopo la riforma del bonus-malus

A
A
A
di Gianluigi Raimondi 2 Gennaio 2020 | 09:30

Assicurazioni in fermento. L’introduzione della nuova riforma volta a estendere a tutti la classe bonus-malus più bassa all’interno della stessa tipologia di veicoli (al rinnovo del contratto) e in diverse categorie di veicoli sono stati posticipati al 16 febbraio per motivi tecnici a causa di problemi di attuazione dal 1 ° gennaio.

Questa riforma potrebbe esercitare un’ulteriore pressione sulla redditività delle compagnie assicurative per quanto riguarda il settore auto in un contesto, come quello attuale, già critico a causa dei bassi rendimenti da reinvestimento.

La stampa ha riportato alcuni esempi di una famiglia fatta da quattro persone due auto e due ciclomotori. Il “Family Motor TPL” (RC familiare) complessivo potrebbe portare a un risparmio del 48% a Milano e Bologna, e fino a 53% a Firenze.

I giudizi degli analisti di Mediobanca sui titoli del settore assicurativo

In questo scenario gli analisti di Mediobanca valutano neutral: UnipolSai con target price di 2,50 euro, Unipol con prezzo obiettivo di 5,50 euro e Cattolica Assicurazioni con fair value di 7,70 euro.

Il settore assicurativo a Piazza Affari

Negli ultimi sei mesi l’indice FTSE Italia Assicurazioni, benchmark di riferimento per le compagnie assicurative quotate sul listino azionario di Borsa Italiana, ha registrato un incremento del 10,6% e a 12 mesi la performance sale al 29,2 per cento.

G.R.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Credem, un nuovo modello per la consulenza assicurativa

Assicurazioni, futuro da 10mld

Reti e assicurazioni, attrazione fatale

NEWSLETTER
Iscriviti
X