Mercati, cosa succederà dopo l’attacco iraniano alle basi Usa

A
A
A
di Stefano Fossati 8 Gennaio 2020 | 10:04

Dopo l’attacco iraniano a due basi militari statunitensi in Iraq, il Brent è cresciuto dell’1,4% a 69,21 dollari al barile sul mercato asiatico, dopo un guadagno iniziale del 4% sulla giornata precedente. Aumentate anche le quotazioni di beni rifugio come l’oro e lo yen giapponese, mentre i mercati azionari globali sono in calo a causa delle preoccupazioni sull’escalation del conflitto in Medio Oriente. L’indice giapponese Nikkei 225 ha chiuso la seduta in calo dell’1,3%, mentre l’Hang Seng a Hong Kong ha registrato un -0,8%.

La televisione di stato iraniana ha sottolineato che l’attacco costituisce la rappresaglia per l’uccisione del generale Qasem Soleimani. Gli analisti di Banca Imi si attendono che il contesto rimanga fluido e imprevedibile nonostante il prezzo del petrolio non stia attualmente prendendo in considerazione un’escalation di eventi.

“Vediamo questo scenario come sostegno al settore Oil & Gas estrattivo (Eni e Saipem, nel nostro universo di copertura), anche se Eni potrebbe risentire del potenziale arresto delle strutture in Iraq e in Libia il caso di un deterioramento dello scenario locale”, scrivono gli analisti. “Al contrario, crediamo che la raffinazione (Saras) potrebbe soffrire di margini di raffinazione inferiori. Una escalation di eventi, unitamente ad altre tensioni geopolitiche (come in Libia), potrebbe determinare l’aumento del prezzo del petrolio, supportato dai commercianti di materie prime che aumentano le loro posizioni lunghe e dai rischi sulla fornitura di petrolio dall’Iran e dall’Arabia Saudita. Quest’ultimo non è il nostro scenario base e potrebbe verificarsi in caso di attacchi alle strutture petrolifere saudite o di una carenza di approvvigionamento attraverso lo Stretto di Hormuz, a nostro avviso”.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Addio Banca Imi, benvenuta IMI Corporate & Investment Banking

Certificati, da Banca Imi 32 nuovi Bonus Cap su azioni italiane ed estere

Dal Vix ai certificati: investire nel futuro con uno sguardo al presente. La conferenza di Finanza Operativa all’ITForum Online Week

NEWSLETTER
Iscriviti
X