Manifatturiero, modesto rimbalzo di fine anno

A
A
A
Avatar di Stefano Fossati 9 Gennaio 2020 | 16:30

A cura di Gero Jung, Chief Economist di Mirabaud AM

Secondo il più recente esito dei sondaggi Pmi, è probabile che l’attività di dicembre rimbalzi, ma solo modestamente, con una crescita del Pil prossima allo 0,1% nel quarto trimestre del 2019. Ciò che colpisce, nel complesso, è che la forte attività nel settore dei servizi non è seguita dagli indicatori dell’attività industriale.

In effetti, l’indagine Pmi sul settore manifatturiero rimane ben radicata nel territorio di contrazione, gli indicatori sono migliorati molto modestamente, raggiungendo 46,3 punti il mese scorso –un numero ancora molto debole. Guardando a livello nazionale, il Pmi composito più alto è in Irlanda, dove l’indice ha raggiunto livello 53 punti, il massimo da sei mesi, e anche la Spagna sta facendo bene.

Per quanto riguarda i paesi core, il dinamismo francese rimane più forte di quello tedesco, secondo i Pmi – ed entrambi sono in territorio di espansione. Meno positivamente, è probabile che il manifatturiero italiano continui a soffrire, con letture di dicembre ancora in contrazione. Il fatto che la domanda interna stia andando bene – e rimane il principale motore dell’attività dell’Eurozona – si vede dal solido guadagno delle vendite al dettaglio di novembre.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Il market sentiment si rafforza negli Usa. Non in Europa

Il ciclo manifatturiero italiano perde robustezza

Cina, rallenta la produzione manifatturiera

NEWSLETTER
Iscriviti
X