La crescita cinese rallenta ancora

A
A
A
di Gianluigi Raimondi 17 Gennaio 2020 | 13:30

L’economia cinese rallenta ancora: nel 2019 ha registrato il livello di crescita più basso dal 1990. Lo scorso anno l’incremento del prodotto interno lordo della seconda economia mondiale si è fermato al 6,1%, in calo rispetto al 6,6% del 2018. Il dato, secondo quanto riportato dal sito web della Rsi, corrisponde alle attese degli analisti e rientra nell’obiettivo ufficiale di Pechino che mira a una crescita del PIL compresa tra il 6,0 e il 6,5%.

A pesare sui risultati vi è stata la riduzione della domanda interna e soprattutto la guerra commerciale sui dazi con gli Stati Uniti. Le tensione tra Washington e Pechino si sono allentate con l’intesa sulla prima fase dell’accordo commerciale, firmato mercoledì dai due paesi, che potrebbe rilanciare l’attività dei consumatori e degli affari.

I dati sono stati diffusi dall’Istituto nazionale di statistica che ha anche reso noto che lo scorso anno nel paese sono nati 14,65 milioni di bambini. Il tasso di natalità è così sceso a 10,48 nascite per 1000 abitanti, il livello più basso dalla fondazione della Repubblica popolare cinese nel 1949.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Investimenti, occhio ai colli di bottiglia

Mercati, la sindrome cinese

Asset allocation, Cina: i pro e i contro di restare investiti

NEWSLETTER
Iscriviti
X