Climate change, siamo arrivati a un punto di svolta?

A
A
A
di Gianluigi Raimondi 20 Gennaio 2020 | 14:00

A cura del Team di Investimento di East Capital

Il 2019 ha segnato un punto di svolta a livello di percezione pubblica delle problematiche ambientali, grazie anche Greta, Extinction Rebellion e ad alcuni dati allarmanti diffusi da diverse entità scientifiche.

I governi stanno adottando politiche mirate per accelerare l’attenzione a questi temi, non solo attraverso la regolamentazione ma anche tramite iniziative fiscali, come ad esempio le misure legate al clima introdotte dalla Germania per un totale di 54 miliardi di euro. Il 2020 si è aperto con l’annuncio, da parte della nuova presidentessa della Commissione Europea Ursula von der Leyen, sui dettagli dei piani europei per ridurre il livello netto di emissioni a 0 entro il 2050, che si spera serva da modello per il resto del mondo.

Crediamo che Bill Gates abbia sintetizzato in maniera efficace il sentimento degli investitori a settembre: “a oggi il disinvestimento ha portato probabilmente a una riduzione delle emissioni pari a 0”. La pressione continuativa da parte degli azionisti, in particolare da parte dell’iniziativa Action 100+ di cui facciamo parte, ha portato ad alcuni annunci di alto profilo, come ad esempio l’impegno da parte della spagnola Repsol a diventare carbon neutral entro il 2050 (la prima del settore oil & gas a fissare questo obiettivo), con almeno il 40% delle remunerazioni di lungo termine del management di più alto livello legate a questo target.

Il cambiamento climatico è una priorità della nostra attività di engagement, specialmente in paesi come la Russia dove il nostro network e la nostra esperienza ventennale si sono rivelati cruciali per collaborare con altri investitori nei confronti di Gazprom e Norilsk Nickel. Ci stiamo impegnando anche come società, infatti le emissioni di tutti i nostri voli commerciali sono compensate con attività che eliminano C02 in quantità tripla rispetto a quella emessa. Seguiamo da vicino anche questi meccanismi di offsetting per verificare che vengano implementati secondo quanto concordato.

Guardando avanti ci aspettiamo che il mercato tenderà sempre di più a guardare oltre il “rumore” della reportistica ESG e chiederà trasparenza e miglioramenti tangibili in selezionate metriche realmente significative che hanno un impatto sul valore delle società nel lungo termine.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Sostenibilità, Schroders: investimenti sul climate change, siamo solo all’inizio

“Consapevolezza climatica”, un’occasione per gli investitori

NEWSLETTER
Iscriviti
X