Payrolls pro dollaro

A
A
A
di Redazione 7 Dicembre 2009 | 08:16
Per la prima volta da molti mesi a questa parte viene meno quello che spesso è stato definito come “il paradosso del dollaro”.

Il fenomeno che vedeva l’indebolimento del biglietto verde in concomitanza con dati macroeconomici positivi, e viceversa l’apprezzamento dello stesso su dati negativi, è venuto meno per la prima volta venerdì scorso.

Non a caso la release che ha interrotto la suddetta correlazione è stata la pubblicazione dei non-farm payrolls, dato che indica la creazione (da più di un anno a questa parte si parla di perdita) di nuovi posti di lavoro, sorprendentemente migliore rispetto alle attese. Certo si parla ancora di un dato negativo, con una perdita di 11.000 posti di lavoro a novembre, ma le attese erano per una perdita di 130 mila posti di lavoro.

Questo dato ha fatto si che il tasso di disoccupazione scendesse dal 10,2 al 10%.

Da tempo siamo convinti che la chiave della possibile ripresa del dollaro sia legata all’andamento del mercato del lavoro, e ciò in base ad una semplice analisi: l’incremento del numero dei lavoratori, abbastanza imminente in base al trend indicato, spingerà ad un aumento dei consumi, che a sua volta provocherà una ripresa più consistente dell’inflazione.

Ciò obbligherà la Federal Reserve alla rapida rimozione del Quantitative Easing e ad un nuovo ciclo di rialzi dei tassi d’interesse, che a sua volta renderà più appetibile detenere dollari in portafoglio, e fattore forse più importante, riporterà fiducia sulla valuta americana, condizione necessaria per un sistema dollaro-centrico come quello attuale.

EurUsd – grafico giornaliero

Passando all’analisi tencnica, l’euro-dollaro per la prima volta dal mese di aprile, ha chiuso, venerdì scorso, sotto la media mobile a 50 giorni, posta adesso a 1,4870, segnale di una possibile continuazione della rivalutazione del dollaro, la cui conferma necessita di un ritorno sui minimi di venerdi in area 1,4820. GbpUsd ancora al ribasso con obiettivo in area 1,6420.

Per quanto riguarda UsdJpy, il supporto è posto in area 89,20, la cui tenuta potrebbe proiettare il cross nuovamente versi i massimi di venerdì a 90,75.

EurJpy in prossimita della resistenza statica in area 134,20, livello che potrebbe segnare il destino di medio periodo. L’eurofranco sembra risvegliato dal torpore delle ultime settimane e potrebbe tornare a 1,5130, la cui violazione ci proietterebbe in area 1,5180. UsdChf ancora al rialzo con target a 1,0180. UsdCad al rialzo con target verso 1,0640. AudUsd verso il test del doppio minimo a 0,9150.

::::::____

Eventuali pareri, notizie, ricerche, analisi, prezzi, o altre informazioni contenute in questo documento sono fornite come commento generale del mercato e non costituiscono un consiglio personale. FXCM Italia non accetta responsabilità per qualsiasi perdita o danno, compresi, senza limitazione, qualsiasi perdita di profitto, che potrebbe derivare, direttamente o indirettamente dall’uso o affidamento su tali informazioni. Il contenuto di questo documento è soggetto a modifica in qualsiasi momento e senza preavviso ed è previsto per il solo scopo di aiutare i trader a prendere decisioni di investimento indipendenti. FXCM Italia ha adottato misure ragionevoli per assicurare l’accuratezza delle informazioni contenute nel documento, tuttavia, non garantisce l’esattezza e non accetta alcuna responsabilità per eventuali perdite o danni derivanti, direttamente o indirettamente dal contenuto o la vostra incapacità di accedere al sito web, per qualsiasi ritardo o fallimento della trasmissione o la ricezione di eventuali istruzioni o avvisi inviati attraverso questo sito web. Questo documento non è destinato alla distribuzione, o all’utilizzo, da parte di qualsiasi persona in qualsiasi paese in cui tale distribuzione o l’uso sarebbe contrario alla legge o alla regolamentazione.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Forex: i target price di Goldman Sachs sui cambi principali

Forex, Euro Index in altalena prima di nuovo forte movimento direzionale

Il punto tecnico sul mercato Forex di Giovanni Maiani

NEWSLETTER
Iscriviti
X