Ue, si studi una Tobin tax

A
A
A
Avatar di Giacomo Berdini 11 Dicembre 2009 | 15:20
Il Consiglio Europeo ha incaricato il Fondo monetario internazionale di mettere in cantiere uno studio per individuare le modalità d’applicazione di una tassa sulle transazioni finanziarie.

I leader europei hanno chiesto al Fondo monetario internazionale di instaurare una tassa sulle transazioni finanziarie.
La richiesta è motivata dalle intenzioni dell’Europa di “rinnovare il contratto economico e sociale tra le istituzioni finanziarie e la società, assicurando che i cittadini colgano veramente i frutti nei periodi di crescita e, allo stesso tempo, siano protetti da eventuali rischi”. I capi di Stato e di governo dell’Ue quindi “incoraggiano il Fondo monetario internazionale a considerare tutte le possibilità di instaurare una tassa sulle transazioni finanziarie”.

Questa è la conclusione tratta dall’ultimo Consiglio europeo del 2009, e sta a dimostrazione di come l’Europa sia convinta della necessità di regolare la finanza internazionale per evitare di compromettere la ripresa e prevenire una nuova crisi in futuro. Nel settembre scorso al G20 il fondo monetario internazionale era già stato incaricato di studiare mezzi perché ricadesse sulle banche il peso del loro salvataggio dopo l’avvento della crisi finanziaria.
Si era parlato quindi di “Tobin Tax”, che deve il suo nome al premio Nobel per l’economia James Tobin, che per primo la propose nel 1972.
Se venisse introdotta questa normativa colpirebbe tutte le transazioni sui mercati valutari, garantendo una maggiore stabilità economica e dissuadendo gli speculatori da investire i propri soldi su una base a brevissimo termine.

“È giusto che il settore finanziario che ha generato la crisi economica dia ora il suo contributo all’economia”, ha dichiarato José Manuel Barroso, presidente della Commissione Ue, che ha commentato la decisione del Consiglio europeo di proporre all’Fmi lo studio di una tobin tax.
“Il settore finanziario ha creato grandi problemi”, ha detto, “e i cittadini ne pagano le conseguenze”, tuttavia, “bisogna trovare un modo condiviso a livello globale, perché non sarebbe logico avere tasse più alte in alcuni paesi rispetto ad altri”, ha concluso.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Banche, la politica ammazza l’utile

Bce, oggi tassi fermi

Il castello di carta

Tremonti: i conti tengono. Alzare le tasse? “Un suicidio”

Oggi il G7 con l’incubo debito e Borse

Obama, al varo la finanziaria

Gordon di Sherwood

Piano Ue per salvare la Grecia

Nessuno salvi la Grecia

White list contro la Mafia

Segreto bancario, Usa in difficoltà in Svizzera

Tremonti, le riforme difficili

Brunetta, meno pensioni e più soldi ai giovani

Riforma fiscale – Per Tremonti si può fare

Finanziaria da 11 miliardi, bocciato emendamento sul ddl

Finanziaria, via libera della Camera

Finanziaria, è questione di fiducia

Usa, in arrivo l’agenzia di controllo sulla finanza al consumo

Grecia, via al piano anticrisi

Finanziaria, forse si vota sulla fiducia

Finanziaria, emendamento omnibus

Finanziaria, sono 14 gli emendamenti ammessi

Finanziaria, probabili riscritture

Brunetta, contro chi assume in nero

Finanziaria, non si taglia più niente

Brunetta, meglio io di Tremonti

Finanziaria, dove sono gli aiuti alle famiglie?

Guai a chi tocca Tremonti

Guerra per l’acqua, vince la fiducia

Irap, non si rinuncia, e nemmeno alla Banca del Sud

Finanziaria: addio Banca del Sud

Tagli alle tasse, il governo cambia idea

Tremonti: non si taglia niente

NEWSLETTER
Iscriviti
X