Verso la riforma dell’Rc Auto, Equita: impatto limitato sulle compagnie

A
A
A
Avatar di Stefano Fossati 12 Febbraio 2020 | 12:00

A seguito di emendamenti depositati alla Camera l’entrata in vigore della riforma dell’Rc Auto (che prevede l’estensione della classe di merito più favorevole a tutto il nucleo famigliare a  prescindere dalla tipologia di veicolo), inizialmente attesa per il 16 febbraio, potrebbe essere posticipata di almeno quattro mesi.

Lo sottolineano gli analisti di Equita. “Pensiamo che la riforma possa creare incertezza” sui titoli del settore assicurativo, “in quanto comporta un  complessivo smontamento del meccanismo bonus-malus e riduca la correlazione tra rischio e premio pagato”, commentano gli analisti. “Riteniamo tuttavia che l’impatto per le compagnie assicurative sia limitato in quanto crediamo che i mancati incassi sulle posizioni più rischiose verranno ridistribuitisugli altri assicurati”.

L’andamento dell’indice del settore assicurativo a Piazza Affari negli ultimi 12 mesi

I titoli quotati a Piazza Affari che potrebbero risentire l’impatto della riforma dell’Rc Auto sono Cattolica Assicurazioni, Generali e UnipolSai.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Buone occasioni tra gli assicurativi Usa

Gam: “In attesa della Fed puntiamo sui titoli finanziari, anche italiani”

NEWSLETTER
Iscriviti
X