Cosa significa investire nell’economia reale

A
A
A
di Sara Silano 26 Febbraio 2020 | 08:15

Gli americani contrappongono Wall Street a Main Street, per indicare da un lato la finanza e dall’altro il mondo produttivo. Potremmo parafrasare con economia finanziaria versus economia reale. In un sistema ideale sono complementari, ma la storia ha insegnato che le logiche speculative possono danneggiare i produttori di beni e servizi.

Per semplificare, potremmo dire che da un lato ci sono le azioni, le obbligazioni, i derivati, i fondi e gli altri strumenti finanziari; dall’altro ci sono le fabbriche, gli immobili, i terreni, gli impianti, le merci  e così via. I primi dovrebbero servire primariamente a dare risorse monetarie alle imprese perché possano funzionare. Queste ultime ricorrono ai mercati finanziari quando hanno bisogno di capitali per investire e realizzare prodotti e servizi. Nei sistemi moderni e globali, tuttavia, può accadere che un andamento positivo delle Borse non si rispecchi in risultati altrettanto buoni per l’economia. Nel 2019, ad esempio, gli indici azionari e obbligazionari sono saliti nei paesi occidentali più di quanto sia cresciuto il Prodotto interno lordo (Pil).

Settore finanziario e industriale
Visto da un’altra prospettiva Wall Street indica il settore bancario e assicurativo in contrapposizione con le industrie anche se bisogna riconoscere che il segmento finanziario dà lavoro a decine di migliaia di persone e concorre a sostenere l’economia. Pensiamo al ruolo che hanno gli istituti di credito nel finanziare le industrie di piccole e medie dimensioni che non ricorrono alla Borsa. In questa molteplicità di definizioni, alcuni ritengono che l’economia reale dovrebbe comprendere anche l’immobiliare, le infrastrutture e i servizi a controllo pubblico, ma il dibattito al riguardo è aperto.

Gli investimenti in economia reale
Come è stato recentemente fatto nel Quaderno curato da Intermonte con l’Associazione italiana private banking (Aipb) e il Politecnico di Milano sul tema, possiamo utilizzare la definizione di economia reale data dal Centro studi e ricerche di Itinerari previdenziali in uno studio realizzato con Borsa italiana. Dunque, consideriamo gli investimenti in economia reale quelli “di qualsiasi tipo, anche attraverso titoli di debito, azioni o strumenti ibridi, siano essi privati o negoziati su listini borsistici (regolamentati e non), siano essi detenuti direttamente, attraverso un mandato di gestione o attraverso la detenzione di parti di Oicr (Organismi di investimento collettivo del risparmio, Ndr), diretti verso imprese di capitale residenti in Italia, di qualsiasi dimensione, dedite alla manifattura, all’agricoltura e all’erogazione di servizi, escluso il macro-settore finanziario”. Vengono considerati come flussi verso l’economia reale gli investimenti in infrastrutture, così come gli investimenti in immobili e società immobiliari. Sono esclusi quelli in titoli di Stato italiani o di altri enti pubblici.

Poca economia reale in Borsa
Rispetto ad altri mercati europei, in Italia l’economia reale è sotto-rappresentata in Borsa. Il ramo bancario-assicurativo pesa per circa il 30%; il comparto industriale vale il 14%, i beni di consumo il 15%, i servizi di pubblica utilitàil 18% e il comparto petroliferol’11%. Nel segmento obbligazionario c’è poca economia reale, anche se si è registrata negli ultimi anni una crescita del listino non regolamentato dedicato ai minibond, le obbligazioni emesse dalle Pmi (piccole e medie imprese).

Il Quaderno di Intermonte, inoltre, mostra che tra fine 2017 e il 30 giugno 2019, lo stock di ricchezza investito dalle famiglie nell’economia reale è diminuito da 1.442 miliardi di euro a 1.306 miliardi a vantaggio di impieghi verso l’estero e soprattutto verso il debito pubblico italiano. Se consideriamo anche che dei 4.200 miliardi di euro di attività finanziarie, una parte consistente (circa 1.400 miliardi) è parcheggiata in liquidità è chiaro come ci siano ampie possibilità di attingere a questo bacino per finanziare le piccole e medie imprese.

Meno debito pubblico, una priorità
Come ha spiegato Giancarlo Giudici, professore associato della School of Management del Politecnico di Milano e referente scientifico della ricerca Intermonte, in Italia c’è un enorme potenziale di risorse finanziarie che oggi si disperdono spesso in impieghi indiretti e che potrebbero essere direttamente destinate alle imprese produttrici. Da questo punto di vista, l’educazione finanziaria e le nuove tecnologie fintech sono elementi essenziali per rendere più efficiente il mercato. È anche prioritario contenere la crescita del debito pubblico, perché si è dimostrato che ha distolto risorse importanti che potevano essere destinate alle imprese. Migliorare l’attrattività per gli investimenti dall’estero è un ulteriore obiettivo generale che richiede un’azione coordinata di sistema”.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Clientela private motore della ripresa

Il “nuovo nominale”, Tcw: perché non ci si può più fidare dei prezzi di mercato

Mercati ed enonomia reale, gli investitori non sono impazziti: ecco perché

NEWSLETTER
Iscriviti
X