Finanza, le elementari come Wall Street

A
A
A

Educazione finanziaria a scuola, secondo il 97% degli insegnanti è utile e necessaria.

Matteo Chiamenti di Matteo Chiamenti21 dicembre 2009 | 13:00

L’economia è parte della nostra vita quotidiana e i ragazzi sarebbero molto interessati a saperne di più: questo è quanto emerge da un sondaggio di Tuttoscuola e PattiChiari che raccoglie l’opinione di 400 insegnanti.

Circa il 97% degli intervistati sostiene infatti che l’educazione finanziaria sarebbe una materia molto utile da inserire all’interno del programma di studio delle scuole. Un dato confermato dall’opinione, condivisa dal 93% degli insegnanti, che l’economia sia un tema concretamente presente nella nostra vita quotidiana e che l’educazione finanziaria rappresenti uno strumento utile per comprendere le dinamiche economiche (99%).
 Tuttavia, se da un lato emerge chiaramente l’interesse ad introdurre questa tematica all’interno dell’insegnamento, dall’altra gli stessi insegnanti dichiarano di non essere del tutto preparati ad affrontarla: solo il 46% degli intervistati, infatti, ritiene il proprio livello di preparazione adeguato rispetto alle proprie esigenze quotidiane, a fronte di un 34% che lo ritiene scarso ed un 19% addirittura insufficiente.
 Un dato interessante rivela che secondo i docenti l’educazione finanziaria dovrebbe essere introdotta già sui banchi della scuola primaria (26%) e della secondaria di primo grado (35%), oltre che, più prevedibilmente, della secondaria di secondo grado (37%).
L’87% dei partecipanti al sondaggio sarebbe favorevole ad inserire questa disciplina all’interno del proprio programma didattico e il 69% di loro ritiene che questa scelta verrebbe approvata dal Consiglio dei Docenti del proprio istituto (il 25% invece lo riterrebbe difficile). Secondo il 79% degli insegnanti, infine, gli studenti apprezzerebbero l’introduzione di questo argomento tra le materie di studio.

In questo quadro si inserisce l’offerta di programmi di educazione finanziaria dell’industria bancaria che, attraverso il Consorzio PattiChiari, mette a disposizione delle scuole di ogni ordine e grado: da “Our Community” e “Io e l’economia” proposti alle scuole primarie e secondarie di primo grado in collaborazione con l’associazione Junior Achievement Italia a “PattiChiari con l’economia”, dedicato alle scuole superiori.
 


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Quando la consulenza passa dalla finanza olistica

Il “treno” che cavalca la corsa della Juventus

La digitalizzazione finanziaria: educazione e opportunità professionali

Banche e finanza, stipendi d’oro per i top manager

Finanza, i trend dirompenti del mercato

Banche, la rivoluzione della tecnologia Blockchain

Educazione finanziaria: nativi digitali, ma solo a parole

Edmond de Rotschild multata per la vicenda 1MDB

Peters: “La prossima crisi sarà devastante”

ITForum Milano 2016, successo per un’edizione ricca di novità

ITForum di Milano, due giorni di grandi appuntamenti

Millennial e finanza: tutt’altro che bamboccioni

BlackRock, nuovo roadshow nazionale per incontrare i consulenti finanziari

Finanza da ridere

Promotori – La finanza futura è nei giovani

La vita è breve, bando alla mediocrità

Attacco a Tremonti firmato Montezemolo

Il patron della Oracle è il manager più pagato di Wall Street

L’Europa ha rimandato il problema

Comoi, primo advisory board per una Sim col Tricolore

Finanza Usa, riforma più vicina

Oggi il G20: regole & finanza sul tavolo

Ecco i punti della riforma finanziaria di Obama

Archivio Polaroid all’incanto: 1.200 foto storiche per pagare i debiti

Gli ex manager di Wall Street tornano in pista

L’occasione perduta

Ti può anche interessare

Gam, semestrale positiva e sospensione di un gestore

Il gruppo elvetico ha chiuso la prima metà del 2018 con una crescita degli utili per azione (+22%) ...

Unit e index sono polizze. Così parlarono Ania e Aiba

Le associazioni confermano la propria posizione dopo le sentenze giudiziarie ...

Esma, gli echi della nuova fiscalità Usa preoccupano l’Europa

L'Autorità risponde alle incertezze europee in merito alla gestione delle novità fiscali Usa. ...