Raccomandazioni di Borsa: i buy di oggi da Astm a Prysmian

A
A
A
di Gianluigi Raimondi 5 Marzo 2020 | 11:00

Banca Akros giudica buy:

BasicNet con prezzo obiettivo di 6,40 euro in scia ai risultati preliminari del 2019, Cementir con target price di 8,30 euro (oggi i risultati preliminari del 2019), Shedir Pharma con fair value di 6 euro (attesa una ripresa del mercato della nutraceutica in Italia).

Giudizi accumulate inoltre per Acea con target di 21,50 euro, alzato dai precedenti 20 euro (il 9 marzo i risultati), Azimut con obiettivo di 26 euro (oggi i risultati), Atlantia con obiettivo di 25 euro in vista dei risultati 2019 (il cui annuncio potrebbe essere postposto), Fincantieri con target di 1,20 euro in scia alle trattative con l’Egitto per la vendita di navi, Inwit con obiettivo di 10,90 euro (oggi i risultati 2019) e Prysmian con fair value di 23,50 euro (nuovo contratto da 150 mln di euro in Francia).

Equita valuta buy:

Astm con target price di 34,50 euro (confermata l’offerta per Brisa), Ascopiave con prezzo obiettivo di 4,40 euro (un decreto del governo potrebbe sbloccare le gare di distribuzione di gas), Cementir con fair value di 8,40 euro, Italmobiliare con target di 31 euro (nel 2019 buon andamento degli asset in portafoglio e dividend yield al 6,8%) e Inwit con obiettivo di 10,50 euro.

Banca Imi assegna un buy a:

Avio con prezzo obiettivo di 18,10 euro (secondo indiscrezioni stampa il rinnovo del consiglio di amministrazione della società dovrebbe vedere un aumentare a 11 persone con l’inclusione di due manager aggiuntivi con competenza significativa nel settore spaziale), Banca Finnat con obiettivo di 0,62 euro (risultati 2019 in linea con il consensus), Banco Bpm con target price di 2,80 euro in scia al piano industriale 2020-2023, Eni con fair value di 14 euro, anche in questo caso in scia al piano industriale 2020-2023, Exor con obiettivo però sotto revisione dopo l’accordo preliminare con Covea per la vendita di PartnerRe, Giglio Group con target di 3,30 euro in vista dei risultati 2019 in calendario in prossimi 13 marzo), Iren con fair value di 3,40 euro (accordo con Ansaldo Energia per la costruzione di un nuovo impianto a Turbigo) e Prysmian con fair value di 23,20 euro.

Giudizio add inoltre per Juventus FC con obiettivo di 1,40 euro nonostante il 23 marzo il titolo uscirà dal Ftse Mib (ma guadagnerà l’eligibilità a Pir).

Mediobanca valuta outperform:

Exor con obiettivo di 86 euro, Iren con target di 3,20 euro e Telecom Italia con fair value di 0,79 euro (il Tar del Lazio ha respinto il ricorso Open Fiber contro la decisione dell’Antitrust di fornire il via libera a Flash Fiber, Tim e Fastweb newco costituite nel 2016 per costruire una rete di fibra ottoca).

Fidentiis assegna un buy a:

Cnh Industrial con prezzo obiettivo di 12/13 euro in vista della possibile quotazione di Nikola (attiva nella produzione di camion elettrici e partner di Cnh) al Nasdaq attraverso la Spac VectoIQ ed Fca con target price di 20/22 euro in scia alla presentazione della 500e (elettrica).

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo
NEWSLETTER
Iscriviti