AlgoWatt, nuova greentech company dalla fusione di TerniEnergia e Softeco

A
A
A
Avatar di Stefano Fossati 5 Marzo 2020 | 10:45

AlgoWatt, GreenTech Company quotata sul mercato telematico azionario (Mta) di Borsa Italiana, operante nella progettazione, sviluppo e integrazione di soluzioni per la gestione sostenibile e socialmente responsabile dell’energia e delle risorse naturali, a seguito della fusione tra TerniEnergia e Softeco, presenta il nuovo modello di business che punta su soluzioni digitali per l’economia sostenibile e digital transformation e basato prevalentemente su soluzioni as-a-service.

Il nuovo core business è caratterizzato da attività a maggior valore aggiunto e da una struttura organizzativa snella e scalabile, riducendo le attività capital intensive tipiche delle utility operanti nel settore energetico. Il breakdown delle attività della società si articolerà per circa il 90% in progettazione e sviluppo software, prodotti e soluzioni per i settori energy, utility, mobilità, e per la parte restante in attività di O&M di impianti di energie rinnovabili.

“Quello di oggi è il kick-off della nuova realtà”, spiega il presidente di AlgoWatt, Stefano Neri. “Abbiamo semplificato l’architettura societaria del gruppo, concentrando le principali attività industriali in un’unica società, predisponendoci così a perseguire la crescita dei nuovi business nel settore digitale. Con l’acquisizione e l’integrazione di Softeco, culminata con la fusione, AlgoWatt si propone come una nuova realtà dinamica e innovativa, con nuove infrastrutture tecnologiche e professionalità di alta specializzazione. La nuova identità di greentech company rispecchia la nostra volontà di ricoprire un ruolo di rilievo in settori a più alto valore aggiunto, di creare valore attraverso il contenuto tecnologico del business e di posizionarci in ambiti con prospettive di crescita più consistenti. Si tratta, in conclusione, di una traiettoria resiliente che accompagna i cambiamenti di scenario dei settori industriali e del concetto stesso di sostenibilità”.

Focus sulla sostenibilità e nuove potenzialità di sviluppo

AlgoWatt si propone come partner nella ricerca e realizzazione di soluzioni per la gestione sostenibile e socialmente responsabile dell’energia e delle risorse naturali, generando vantaggi competitivi per i settori di riferimento. La struttura della nuova società punta alla generazione di cassa nel segmento tecnologico seguendo l’evoluzione del mercato e focalizzandosi su settori ad alta potenzialità. In particolare, con riferimento alla “urban energy” e alla “mobilità elettrica”, entrambe caratterizzate anche da un forte impegno sulle tematiche del climate change.

“I fabbisogni dei territori in materia di smart mobility e di tecnologie strategiche applicata alle smart cities stanno aumentando in maniera esponenziale”, dice il direttore generale di AlgoWatt, Massimo Mannori. “I tassi aggregati di crescita degli investimenti attesi al 2030 in infrastrutture e piattaforme di gestione della urban energy e della e-mobility sono tutti a doppia cifra. In Europa, entro dieci anni, verranno venduti circa 6 milioni di veicoli elettrici o ibridi, mentre i target di riduzione dei gas serra impongono investimenti continentali per circa 10mila miliardi di euro nello stesso periodo. Smart metering e smart energy crescono con Cagr superiori al 20%. Il settore energetico è cruciale per la transizione dell’Italia verso un’economia verde, integrando in questo processo anche trasporti e mobilità, proprio attraverso l’innovazione tecnologica green. Il ruolo di AlgoWatt sarà quello di integratore di soluzioni e di provider di tecnologie proprietarie, hardware e software, in grado di abilitare nuovi concetti di efficienza energetica in ambito produttivo e residenziale. Analogamente, affiancheremo tutti gli attori della mobilità sostenibile per costruire piattaforme digitali di servizi integrati e on-demand”, che permettano di offrire un’esperienza di viaggio migliore e più green. AlgoWatt continuerà, inoltre, ad essere un partner tecnologico privilegiato del settore energetico nella transizione verso il previsto aumento impetuoso della generazione rinnovabile distribuita e non programmabile e un abilitatore tecnologico di tutti gli utilizzi energetici emergenti e non ancora prevedibili”.

Innovazione tecnologica, R&I

Con più di 40 anni di esperienza nel settore IT e Digital, oltre 100 clienti, 7 sedi in Italia, più di 200 dipendenti, AlgoWatt è dotata di un centro di Ricerca & Innovazione che punta a mantenere l’eccellenza tecnologica per proporre soluzioni innovative e sviluppare nuovi prodotti per accedere ai mercati a maggior tasso di sviluppo. Ha coordinato dagli anni 90 oltre 25 progetti europei di cui 10 in ambito H2020 e ha generato una rete con più di 1000 partnership con università e istituti di ricerca per oltre 100 progetti.

Tre business unit: Green Energy Utility, Green Enterprise & City, Green Mobility

AlgoWatt si struttura in tre business unit.

• Green Energy Utility: propone un’offerta IT dedicata al settore Energy, coprendo tutte le esigenze della catena del valore, dalla generazione distribuita e rinnovabile al demand response. Include soluzioni flessibili per il monitoraggio e il controllo di impianti da fonti rinnovabili, compresa la manutenzione predittiva, sistemi di controllo e di difesa della rete di trasmissione e distribuzione nazionale, sistemi per la progettazione e produzione di apparati di telecontrollo della Rtn, strumenti per la gestione di tutti gli aspetti di approvvigionamento e vendita di energia elettrica e gas.

• Green Enterprise & City: si rivolge al mercato enterprise e smart city con servizi e strumenti di diagnostica e telecontrollo delle grandi infrastrutture di trasporto elettrificate (ferrovie, compresa l’alta velocità, e metropolitane), telecontrollo degli impianti e degli edifici, sistemi di gestione e monitoraggio di impianti ambientali (trattamento rifiuti e acque), soluzioni per l’efficienza energetica di impianti industriali energivori, implementazione e gestione delle microgrid e di sistemi di storage.

• Green Mobility: è focalizzata sul settore della nuova mobilità urbana con software e piattaforme per la gestione delle flotte, sistemi di mobilità combinata e intermodale, gestione, progettazione, installazione e supporto al funzionamento delle infrastrutture di ricarica per veicoli elettrici, integrazione di sistema per i servizi di imbarco nei porti, monitoraggio e gestione della sicurezza stradale e delle infrastrutture critiche (ponti, tratti stradali…).

“Il cambio di denominazione in AlgoWatt – spiega Laura Bizzarri, Managing Director della società – racchiude l’identità storica delle due società che hanno partecipato alla fusione, ma guarda al futuro in un’ottica internazionale e di innovazione. Unendo l’algoritmo a simboleggiare la digitalizzazione, e il watt a richiamare l’elettrificazione, abbiamo delineato l’identità di One Smart Company, che utilizza le tecnologie esponenziali per reinventare il proprio modello di business e aprirsi mercati legati alle tematiche della sostenibilità e dell’impatto sociale. Laddove conserviamo un backlog di attività industriali o un portato di competenze, ad esempio nell’O&M e nell’Efficienza Energetica, introduciamo contenuti di innovazione sostanziale, come nel caso degli interventi di manutenzione predittiva sugli impianti o delle attività automatizzate grazie all’IoT, che consente una migliore pianificazione delle azioni e una riduzione dei costi. La forma organizzativa che ci siamo dati è in grado di gestire velocemente i cambiamenti e perseguire l’innovazione continua. Stiamo riducendo al massimo gli owned asset per accelerare la possibilità di replicare il business e di esportarlo su mercati non ancora raggiunti, mantenendo snella e leggera la struttura. Infine, ci siamo dati l’obiettivo di rivoluzionare il modello di business: a tendere i prodotti si trasformano in servizi e i servizi in ecosistemi”.

Action plan del piano di rilancio 2022

Il piano di rilancio 2022 si articola attraverso le seguenti “action”.
• Programma di alienazione degli asset (fotovoltaici e ambientali) che comporta un beneficio finanziario anche per effetto dell’accollo da parte degli acquirenti del debito connesso agli impianti.
• Fusione per incorporazione di Softeco Sismat in TerniEnergia, che consente il presidio strategico del settore Green Tech Solutions.
• Integrazione delle tecnologie digitali nei business tradizionali di TerniEnergia, con riferimento all’efficienza energetica e alle manutenzioni di impianti energetici (O&M predittivo).
• Semplificazione della struttura del gruppo e accordo finanziario, che prevede interventi di rimodulazione e riscadenziamento del debito.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Bizzarri (Algowatt): “Greentech, un settore resiliente e in rapida crescita”

AlgoWatt alla guida del progetto Pascal su aggregatori e smart grid

NEWSLETTER
Iscriviti
X