Eni, rendimento del dividendo al 9,6%. Il titolo è un affare?

A
A
A
di Gianluigi Raimondi 10 Marzo 2020 | 12:30

Eni, oggi in forte recupero dopo lo scivolone di ieri in scia al recupero delle quotazioni del petrolio Wti e Brent e dell’azionario mondiale, segna ancora un ribasso del 36% a 12 mesi. I corsi infatti, osservando il grafico sottostante elaborato su base mensile, stanno provando a rimbalzare dopo il test del supporto statico di lunghissimo termine in area 8,09 euro (livello che non toccava dal 1997).

Eni rappresenta un possibile “affare” a questi livelli?

Ovviamente è estremamente difficile dare una risposta certa data l’ancora alta volatilità di Piazza Affari a causa delle conseguenze della diffusione del Coronavirus e della diatriba tra Russia e Arabia Saudita all’interno dell’Opec Plus in relazione al petrolio.

Di certo c’è però il fatto che, a patto che le Borse e il greggio proseguiranno nel recupero, il titolo ha buone chance tecniche di proseguire nella ripresa e che, soprattutto, al livello attuale il rendimento del dividendo è del 9,6%, tra i più alti in Europa nel panorama delle blue chip.     G.R.

L’andamento nel lungo termine a Piazza Affari (grafico su base mensile)

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Enel tenta un rimbalzo da supporto statico. I prossimi target

Tenaris richiude il gap aperto lo scorso marzo. I prossimi target

Piaggio al test della resistenza statica di lungo termine

NEWSLETTER
Iscriviti
X