Titolo da monitorare – Enia

A
A
A
Avatar di Redazione 29 Dicembre 2009 | 09:24
La scadenza del primo gennaio 2010 più volte indicata come data di efficacia dell’operazione di fusione tra Enia e Iride è destinata ad un ulteriore rinvio.

Le parti non sono ancora arrivate ad una conclusione sui negoziati in corso che vedono in primo luogo coinvolta la moratoria fiscale, che comporta per Iride un esborso di 65 milioni di euro, al di là di quanto stimato nell’accordo di fusione.

A tal proposito è stata paventata una forma di compensazione per agli azionisti di Enia sotto forma di dividendo straordinario ma nulla di definitivo è stato ancora deciso in merito.

D’altro canto Enia rischia di perdere importanti concessioni per lo sfruttamento dell’acqua a seguito del decreto Ronchi.

Infine non è chiara la forma di governance che la Nuova Società dovrebbe adottare: Enia predilige una struttura centralizzata mentre Iride è a favore dell’autonomia periferica.

Qualsiasi siano gli esiti di queste trattative, la trimestrale di Settembre ha messo in luce la solida redditività del Gruppo emiliano che sembra riuscito a superare molto bene il periodo di crisi dell’economia mondiale grazie alla sua strategia multiutility.

Da un punto di vista grafico, le quotazioni di Enia dopo aver superato l’ostacolo dei sei euro hanno iniziato un movimento di storno che si è arrestato solo dopo aver raggiunto i 4,75 euro. Il lento recupero dei prezzi delle ultime settimane potrebbe conoscere un ulteriore test di questo livello supportivo. Ciò rappresenterebbe un interessante opportunità di acquisto sulla debolezza. I target potrebbero essere individuati a 5,25 e 5,45 euro.

Stop loss a 4,35.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Sterlina in calo, pesano incertezze su tassi e Brexit

Sterlina in calo dopo via libera parlamento inglese a legge Brexit

Sterlina a picco, pesa timore “hard Brexit”

Inflazione in ripresa in Eurolandia, ma l’Italia resta in coda

Bitcoin sopra i mille dollari per la prima volta da 3 anni

Lira turca al tappeto, Erdogan vuole tassi bassi il mercato si attende un rialzo

Sterlina sempre sotto pressione, il mercato vede rischio “hard brexit”

Sterlina cola a picco per i timori legati alla Brexit

Banca nazionale svizzera resta alla finestra, pronta ad agire sui cambi

Transferwise trasferisce mensilmente circa 800 milioni di sterline

Sterlina cala di minimo in minimo, nonostante la Bank of England

I contraccolpi delle crisi in Inghilterra e Italia arrivano fino inAsia

Sterlina sempre più volatile con l’avvicinarsi del referendum inglese

Il referndum sulla Brexit offre opportunità di trading sulla sterlina

Israele mantiene invariati i tassi ufficiali

La “Brexit” si allontana, la sterlina recupera terreno

Tassi ai minimi storici in Australia

Sterlina in calo anche oggi, Brexit sempre meno improbabile

Pechino riduce la riserva obbligatoria per le banche

Sterlina in calo, il sindaco di Londra fa il tifo per la Brexit

La Svezia porta i tassi ufficiali a -0,5%

Goldman Sachs: quanto peserebbe Brexit sulla sterlina

Cina: riserve in valuta estera in calo nel 2015

Pechino svaluta ancora, i listini asiatici affondano

Norges Bank taglia ancora i tassi

Cina, le riserve valutarie sono in calo

Qualche sorpresa nel “supergiovedì” della Bank of England

La crisi turca non vede segnali di miglioramento

Hong Kong multa Bnp Paribas

Tassi fermi sulla sterlina

La Svizzera non tocca i tassi ma taglia le stime

Anche Tailandia e Corea tagliano i tassi

Pechino vuol crescere del 7% quest’anno

NEWSLETTER
Iscriviti
X